QUANTO GUADAGNA UNA LIBRERIA?

Se siete su questo blog significa che in qualche modo amate i libri. E almeno una volta nella vita chi ama i libri pensa di mollare tutto, di mandare a quel paese il vecchio odiatissimo posto di lavoro, di ripartire da zero e aprirsi una bella libreria, magari una di quelle vicino alla spiaggia che stanno aperte sei mesi l'anno. Ma come funziona una libreria? Quanto si può guadagnare?
Il guadagno del libraio è dato dal margine. Il margine è dato dalla differenza tra il prezzo di vendita del libro (solitamente il prezzo di copertina) e il prezzo con cui la libreria ha acquistato lo stesso dal fornitore. Ah, allo sconto applicatogli, il libraio deve togliere circa un 2% di porto imballo.
Es: il fornitore mi fa uno sconto del 30%, porto imballo pari al 2%, prezzo di copertina di 10 €.
Il guadagno lordo (margine) su questo libro corrisponde al 28% (30% - 2%) di 10 €, ovvero 2,80€.
Non tutte le librerie hanno lo stesso margine:
  • la GDO (o grande distribuzione, per intenderci i libri che trovate negli ipermercati) applica sconti altissimi al cliente anche su libri nuovi. E questo perchè può arrivare ad acquistare libri dal fornitore con sconti superiori al 50% del prezzo di copertina, ma anche perchè il libro viene visto non come un prodotto culturale, ma una merce di richiamo sulla quale non è fondamentale guadagnare: il cliente si va a far la spesa nell'ipermercato X perchè già che è lì si comprerà l'ultimo di Zafon al 30% di sconto... uno Zafon permette al negoziante di vendere 3 kg di pomodori, un lettore DVD, un paio di teglie, ecc...
  • Le librerie di catena (es: feltrinelli, librerie.coop, Mondadori, ecc...) hanno una scontistica dal fornitore che si aggira attorno al 40% del prezzo di copertina.
  • Le librerie indipendenti possono contare su una scontistica di circa il 30%.
  • Poi ci sono le librerie specializzate su fuori catalogo, libri usati ecc... guadagnano di più in proporzione, ma provate a vendere quella roba lì!
Non pensate che se aprite una libreria il vostro guadagno netto corrisponda al margine! Sul libro dell'esempio precedente il vostro guadagno lordo era di 2,80 €, ma a questi 2,80 € dovete toglierne una parte (una grossa parte) per affitto, stipendi, tasse, ammortamenti, mutui, ecc...
Quanti libri ci sono dentro una libreria? Be', in realtà dipende dal tipo di libreria... però, per darvi un'idea, vi dico che nella libreria dove lavoro (libreria medio-grande) ci sono circa 35.000 titoli per 60.000 volumi totali. Una libreria che non ha almeno un 8-10.000 titoli farebbe bene a non aprire affatto.
I librai devono comperare per forza tutti i titoli che vogliono tenere in libreria? No. Diversi libri non sono in conto assoluto (comperati), ma in conto deposito (quando vendo un libro in c/deposito lo riordino in c/assoluto). E se mi accorgo che un libro non vende? Lo posso mettere in resa (che va comunque concordata con chi di dovere) e recuperare la spesa... ma questo andrebbe ad inficiare il mio indice di rotazione. A proposito...
Per capire bene il margine è necessario sapere anche le basi dell'indice di rotazione: faccio una media delle vendite e mi calcolo quante volte il mio "libro medio" viene venduto in un anno e a seconda di questo devo tener d'occhio i pagamenti. Se mediamente lo stesso titolo viene venduto 2 volte l'anno i miei pagamenti dovrebbero essere a 180 giorni o più, altrimenti non riuscirei ad avere liquidità per rimpiazzarli una volta venduti. Se il libro medio viene venduto 3 volte l'anno i pagamenti dovrebbero essere a 120 gg e così via. E perchè cambia il margine? Perchè se non ho liquidità devo chiedere un prestito e ci sono gli interessi.
Es: sconto da fornitore 30%, porto imballo 2%, interessi pari al 11% (ho potuto rifornire solo grazie al prestito della banca). Ecco che il mio margine scenderà vorticosamente: 30% - 2% - 11% = 17%. E se mi si presentasse nuovamente un problema di liquidità? Devi togliere gli interessi ulteriori dal già ridotto margine. E così via. Ecco come chiudono le librerie.
Se volete aprire una libreria fatelo, ma tenete presente che non è un "salotto", è un' impresa!
 
FORSE PUO' INTERESSARTI ANCHE:

Commenti

  1. e se invece volessi semplicemente lavorare in una libreria? come mai non trovo annunci in merito? nessuno cerca personale... possibile?
    A Milano....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono talmente scese le vendite di libri (non solo nella mia zona, Livorno, ma penso in ogni luogo) che anche le grosse catene è difficile che cerchino personale. Il mio rappresentante dice di non preoccuparmi del digitale, ma purtroppo con l'avvento dei tablet e dei computer... molti generi di libri non si vendono più. Magari libri per bambini (es. da colorare) o di lettura (best seller ecc.) sono ancora apprezzati su cartaceo, ma ricettari, manualistica, guide turistiche, piccole enciclopedie, vocabolari ecc.... sono veramente pochi quelli che li comprano (pasta al pomodoro? google...et voilà! ...e con tutte le varianti!). Dico solo che un istituto qui di Livorno ha segnato sulle liste scolastiche i libri in adozione (sembra che sia un obbligo), ma molti insegnanti hanno detto ai ragazzi di non acquistarli, poiché gran parte degli esercizi e delle nozioni sono presenti sui "libri digitali" (dischetti) forniti dalla scuola: sicuramente le librerie hanno avuto un mancato guadagno, ma siccome sono genitore anch'io, devo riconoscere che gli studenti e le famiglie sono andati a risparmiare sì e no 200€. Molti libri poi hanno prezzi da capogiro e (come diceva il blogger qui sopra) le percentuali di guadagno PULITO... sono veramente basse. Io personalmente, pur tenendo in vendita i libri, mi sono dovuto buttare anche su generi alternativi, come cartoleria e informatica.

      Elimina
    2. Domanda:
      Se doveste aprire una libreria in un paese di 25000 abitanti, preferireste franchising o libreria indipendente?

      Elimina
  2. già, non si trovano annunci nemmeno su Cagliari!Nessuno cerca mai dipendenti in libreria?

    RispondiElimina
  3. Be', potete provare a tenere d'occhio le catene di librerie più grandi come Feltrinelli, Librerie.Coop, Mondadori... quando aprono un nuovo punto vendita... zacK!... si manda il curriculum. E' difficile, soprattutto se la ricerca è limitata ad una sola città, ma se uno insiste... be', io lavoro in una libreria. ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho provato a candidarmi per questi grossi nomi ma niente. A parte il fatto che secondo loro non puoi avere più di 30 anni e ho anche letto un articolo su come vengono trattati i dipendenti (ed è abbastanza sconfortante). Che poi non è che aprano chissà quanto spesso un nuovo punto vendita.

      E neanch'io ho mai visto o saputo che in libreria cercassero personale.

      Elimina
    2. No, dai, il pessimismo non aiuta di certo. Ora come ora è difficile trovare lavoro in generale, non solo in libreria. Ti consiglio di insistere e di non inviare il cv ai punti vendita ma alle sedi centrali (specificando la disponibilità a eventuali trasferimenti).
      Buona fortuna.

      Elimina
    3. Ciao a tutti, sono il titolare di 4 librerie della catena Mondadori. Il motivo per il quale è difficile entrare a lavorare in libreria è presto detto: è un lavoro molto specializzato. Io personalmente, dopo la fase iniziale di apertuta dei punti vendita, spendo all'incirca un anno e mezzo per formare il personale. E non vi parlo di formazione eccezionale ma "il minimo necessario" per poter lasciare un minimo di indipendenza ai commessi anche per quello che riguarda il corretto approccio con il cliente, la sistemazione dei libri a scaffale e tutte le procedure di controllo per la merce in ingresso e in uscita. Un bravo librario vale tanto e costa tanto all'azienda che lo deve addestrare. Quindi è ovvio che, una volta formato lo staff di un punto vendita, difficilmente si ricercano nuove persone.
      Buona fortuna

      Elimina
    4. Per lavorare in una libreria sarei disposta a fare tutta la formazione del mondo...è il mio sogno più grande...

      Elimina
    5. Complimenti per la risposta,
      è bello sapere che qualcuno è a conoscenza della professionalità che richiede il nostro lavoro!
      Una libraia

      Elimina
    6. concordo con "una libraia".
      Sono un libraio e amo il nostro mestiere.
      Vorrei soltanto sapere in media quanto guadagnate voi. SOno dipendente e porto a casa per 35 ore 1100 euro.
      Non mi posso e devo lamentare ma con 1100 è dura.
      vorrei almeno 1300 per prendere fiato.
      Un saluto a tutti

      Elimina
    7. 1100 non è male (ho conosciuto librai da 900 € al mese, orario pieno). Con qualche anno di esperienza dovresti arrivare alla cifra che auspichi di vedere sulla tua busta paga.
      Poi ogni libreria è a sé, inoltre dipende se lavori in notturna e nei festivi.
      Ciao ciao,
      K.

      Elimina
    8. io anche per lavorare in libreria farei di tutto. lavoro in fabbrica e l'unica cosa che mi tiene in vita è sapere che quando torno a casa posso leggere. E la mia libreria personale casalinga sta crescendo sempre più. Spero prima o poi di poter lasciare la fabbrica per realizzare questo sogno..

      ps sono laureato..

      Elimina
  4. Sinceramente non trovo molto chiara la tua descrizione dell'economia di una libreria.Mi sembra piuttosto scoraggiante. Ho visto librerie con vari dipendenti, vivono d'aria? a te ti pagano mi auguro.A sentir te fanno la fame.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Be', non scopro certo io che le librerie non rientrano tra le attività che portano più facilmente al soldo... Tieni presente che, dati alla mano, solo il 42% degli italiani ha letto almeno un libro l'anno passato e solo il 6% di questi sono "lettori forti".
    Vedi, il mercato del libro è mooolto complesso: le librerie indipendenti, fatta eccezione per alcune fortunate realtà, non navigano certo nell'oro; le librerie più grandi spesso non puntano al guadagno immediato, ma ad una sorta di "pareggio" che, tuttavia, porti un'altro tipo di vantaggio: ad esempio le Feltrinelli potrebbero spingere un dato titolo (di feltrinelli editore?) proponendolo in pila... e se il titolo entra in classifica il libraio pinco pallino che fa? Ne prende una copia o lo mette in pila? Io credo che lo metta in pila...
    Giunti Editore potrebbe proporre i suoi titoli in pila nelle sue librerie Giunti al Punto e aumentare le tirature inerenti i volumi per abbassare i costi di stampa?
    Non voglio certo dire che sia impossibile vivere con una libreria, ma tenuto conto del costo d'impianto e delle probabilità di successo (sto parlando in generale) credo sia meno rischioso aprire un chiosco di granite sulla spiaggia. Ci arebbe da chiedersi come mai le mitiche librerie rizzoli non esistano più (e non erano piccole librerie).
    Poi il cuore vuol dire la sua e non sempre ha torto: personalmente sarei più felice con 1000 euro al mese per dodici ore di lavoro in libreria che con trecento euro in più dentro una fabbrica... la qualità della vita non è data esclusivamente dal soldo, per fortuna.
    Se uno una cosa se la sente deve provare, ma attenzione: una libreria prima è un sogno, ma poi è anche un'impresa commerciale. E pure una delle più difficili da gestire.
    Ti consiglio un bel libro uscito quest'anno per la e/o, non è un manuale ma un romanzo: "La libreria del buon romanzo" di L.Cossè . Non ci sono termini tecnici e nemmeno statistiche, ma può essere stimolante sotto molti punti di vista.
    Ciao ciao,
    Kito.

    Ps: sì, io vengo pagato (e ho pure la 14^), ma il mio stipendio arriva totalmente dai libri che vendo o in parte anche da altre realtà collegate alla stessa compagnia? Il mio lavoro porta unicamente soldi all'investitore o porta soprattutto prestigio allo stesso?

    Tra parentesi, quelli di feltrinelli e di giunti erano solo esempi/riflessioni... non lavoro per i gruppi citati e non ne conosco le politiche, prendila come un "potrebbe darsi che".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Kito,
      trovo i tuoi post molto interessanti perchè finalmente qualcuno ha il coraggio di aprire gli occhi a tutti quelli che pensano che aprire una libreria sia unicamente immergersi nel mondo della lettura.
      Anche io, come te, faccio la libraia, lavoro in una grande catena di cui preferisco non fare il nome e ogni volta che i clienti alla cassa mi dicono che faccio il lavoro più bello del mondo mi innervosisco...
      apprezzo invece le discussioni come questa, sane e realiste che valutano obiettivamente quali sono i pro e i contro di questo lavoro....
      Valentina

      Elimina
  7. moolto interessante. Vorrei aprire una libreia in un paese di circa 10.000 anime a 8 KM dalle città più vicine e dai loro ipermercati. Ovviamente essendo in toscana un ipermercato coop è molto più vicino però non credo sia molto fornito di libri. Trovo però difficile pensare ad un guadagno che possa pagare l'affitto sopratutto non credo di poter mantenere un 10.000 titoli. Già 2000 mi sembra un miraggio. Lo spazio previsto dovrebbe essere di un 50 mq circa... Non vorrei personale e punterei molto sul settore bambini che credo dia maggiori margini e sulla storia locale. Che ne pensi? Ti sembra un progetto interessante. Il negozio sarebbe su una strada principale del paese anche se con qualche limitazione di parcheggio. Inoltre sarei intenzionato a venderci anche mie creazioni artigianali nel periodo natalizio (presepi ... credi sia possibile) su cui dovrei avere margini piuttosto alti. Non sono un sognatore ed il richiamo alla questione impresa mi pare molto molto interessante ed utile. Se hai altre indicazioni al riguardo... grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo ti può servire!
      http://www.centostorie.it/aprireunalibreriaperbambini.php

      Ciao!

      Laura

      Elimina
  8. Be', 10.000 persone come utenza non sono il massimo, bisognerebbe poi vedere come sei messo con i paesi vicini (ci sono librerie? la libreria che andrai ad avviare può essere di riferimento anche per altre cittadine?). Mediamente una libreria (cito Oliviero Di Pino) richiede un'utenza di almeno 20000 potenziali clienti... ci sono, tutto sommato?
    Vendere cose tue potrebbe essere un problema, ti consiglio di informarti da qualcuno che ne sa più di me: non so fino a che punto l'attività commerciale sia compatibile con l'artigianato. Ciò non toglie la possibilità di vendere prodotti non-libro forniti da altre ditte, per esempio cartoleria piuttosto particolare (dove i margini sono decisamente più alti).
    Fai bene i conti con la metratura: da noi ci sono (stipatissimi!!!) 36.000 titoli per 60.000 volumi totali... distribuiti su 380 metri quadri. Inoltre per una libreria è fondamentale avere un magazzino (i libri che aspettano di essere resi richiedono uno spazio e quelli che arrivano non possono essere caricati nello spazio di vendita, andrebbero a creare una confusione terribile).
    Sono d'accordo con te nell'affermare che una piccola libreria deve specializzarsi. Ma attenzione, questo è vero in una grande città (dove il piccolo non può competere in ampiezza di catalogo - numero di settori, vedi storia, antropologia, narrativa ecc... - con feltrinelli e allora si rifugia nella profondità - quantità di titoli per settore specifico), meno dove la concorrenza scarseggia... se sei un punto di riferimento non puoi non avere Anna Karenina o il giovane holden).
    Per far bene i conti ti do qualche dato di vendita su cui riflettere, tieni presente che in linea di massima i ricavi di una libreria sono divisi così: 35-40% narrativa, 20-25% saggistica, 15% ragazzi 5% arte e 5-10% tempo libero.
    Sia come sia, non aprire una libreria con 2.000 titoli!!! 2000 titoli non sono niente (Mi arrivano più o meno ogni tre giorni come rifornimento). Ci sono anche i franchising! Non avrai un marchio tuo, ma almeno non ti sveni prima di aprire e hai qualcosa da esporre, pensaci su.
    Ciao ciao.

    RispondiElimina
  9. Ciao.
    Io sono una conferma della tua affermazione che un lettore appassionato "sogna" spesso di aprire una libreria. Abito in un a cittadina di 8.000 abitanti molto attiva culturalmente: vivono più di una decina di associazioni culturali. Il locale che ho individuato si trova proprio nel punto nevralgico di questo fermento culturale, anche se purtroppo in una zona non di passaggio ne commercialmente attiva! Il mio progetto è di aprire un piccolo (70 mq)ed accogliente caffè letterario che metta insieme insieme i guadagni di due attività (bar e libreria). Il locale è situato in pieno centro storico(una chicca della provincia, molto visitato da turisti stranieri)in una zona come ho già detto non di passaggio (chi viene deve essere un cliente affezionato o attratto dall'atmosfera che si respira), ha grande parcheggio (lungo l'antica via clodia tappa di visite turistiche) sulla strada che conduce al monumento più importante della città(una basilica romanica). Nelle immediate vicinanze ci sono:
    1)la grande piazza del comune,(dove c'è già un bar, ma frequentato da tipi poco raccomandabili), dove d'estate si svolgono sagre e spettacoli,
    2)un'Accademia di cuochi "La Boscolo Etoile" molto famosa e molto attiva,
    3)il teatro comunale con la sua interessante stagione teatrale,
    4)la biblioteca comunale (purtroppo per me ottimamente gestita)di cui però conosco benissimo il "deus ex macchina".
    Avrei anche la possibilità di chiedere al comune di utilizzare il pratino antistante il teatro e il suo foyer, per organizzare eventi sia d'estate che d'inverno. Questa insomma la situazione da cui partono i miei voli di fantasia riguardo un'attività che non si limiterebbe alla vendita dei libri ma sarebbe incentrata per lo più sulle attività che svolgerà per attirare clienti.
    LA MIA DOMANDA: STO SOLO SOGNANDO o tutto ciò potrebbe diventare davvero il mio lavoro?

    RispondiElimina
  10. Ciao.
    Ho una domanda, forse anche stupida.
    Ma a quali fornitori di libri ci si deve rivolgere per rifornire una nuova attività?
    Grazie

    RispondiElimina
  11. Carissimi,
    prima di tutto grazie a "Culture sommerse" per aver aperto questo dibattito.
    Sono un grande appassionato di libri, amo i libri, leggo un sacco di libri, organizzo presentazioni di libri da "sempre", e ho il difetto di essere anche un commercialista.
    Premesso questo consiglio agli autori dei post precedenti, conti e passione alla mano, di non aprire mai una libreria.
    Non ci sono i numeri.
    Non basta la passione.
    Ci vuole altro.
    Ci sono in commercio degli ottimi libri che aiutano a capire se l'idea di aprire una libreria è un'impresa imprenditoriale fattibile.
    Comunque se io amante dei libri e commercialista non ho aperto un libreria ci sarà un motivo :-).
    Maurizio
    www.guanxinet.it

    RispondiElimina
  12. Lavoro in libreria da tempo, ho avuto una libreria mia..un bagno di sangue!!
    mille euro scarsi a fronte di un lavoro difficilissimo, impegnativo e che ti ipoteca la vita.
    La mia e' una grande passione e continuo con determinazione, ma vi prego, datemi retta non c'e' niente di romantico, solo debiti e debiti e debiti..non aprite una libreria se non volete fare la fame. ciaooo

    RispondiElimina
  13. @ Deborah: il fornitore dipende dal tipo di esercizio che vuoi avviare.
    Se apri una Mondadori o una Ubik il fornitore è unico (appunto, Mondadori o UbiK). Se decidi per una cartoleria che tiene qualche libro in casa ti consiglio un grossista (fastbook, per citarne uno). Una libreria indipendente, invece, ha diversi fornitori. I più importanti sono RCS, Messaggerie, Mondadori e PDE. Puoi trovare info e contatti su internet.
    Ciao,
    Kito.

    RispondiElimina
  14. @ marrugheta: ogni situazione è a sè, ma se nessun libraio esperto si prende la briga di aprire in una città sotto i 20.000 abitanti un motivo c'è.
    Puoi sicuramente dare fascino al bar con i libri... ma ti consiglio di impostare l'attività più sui caffè che sui romanzi.
    Un abbraccissimo,
    Kito.

    RispondiElimina
  15. Accidenti, leggere le risposte a questa discussione mi ha "gambizzato" le speranze. Sono un ragazzo di 26 anni, laurea molto vicina (finalmente!) e data la mia passione per i libri ho pensato (solo pensato) di aprire una libreria indipendente.

    L'idea sarebbe quella di lavorare un po' per mettere da parte ancora qualcosa e partire con un budget di circa 50000 euro (a cui aggiungere ovviamente il necessario prestito iniziale).

    Le possibilità in cui aprire sarebbero due, entrambe con 20000 e rotti abitanti più quelli di paesi molto vicini. Inoltre proprio le dimensioni di queste città, a quanto ho letto in giro, rendono difficile l'apertura di franchising (per esempio Giunti al Punto aprono in città di almeno 40000 abitanti se non erro).

    Gli ostacoli di certo sono molti e non tenterei l'apertura di una nuova attività commerciale in un momento di difficoltà generale tanto importante quale quello che stiamo vivendo quasi tutti in questi anni.

    Però, se è verò ciò che quì ho letto, si parla dell'apertura di una libreria come di una pazzia finanziaria... e la cosa mi spaventa, se ci aggiungo poi che proprio le città in cui vorrei aprire hanno già un discreto numero di librerie, con un paio (una per città) diciamo storiche, portate avanti da generazioni, anche con 3 o 4 punti vendita (praticamente dei "giganti").

    Certo, non ci sono librerie specializzate come l'avrei in mente (punterei molto su letteratura italiana, tedesca, anglosassone e francese, con particolare riferimento ai grandi classici), ma in ogni caso dovrei comunque essere pronto a fornire anche i testi più in voga del momento.

    Insomma, il progettino in linea di massima sarebbe pronto, ma il passo dalle idee ai fatti a volte è estremamente complesso... sconsigliate ancora in modo fermissimo di aprire una libreria?

    Per me sarebbe un investimento che vale una casa. Uno scambio che non so ancora con sicurezza se possa essere distruttivo per il mio futuro... d'altro canto, se tutto dovesse andare per il meglio, sono sicuro che sarebbe fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1 - 20.000 abitanti e già una libreria... non è un bacino di utenza fantastico (a meno che non sia un polo universitario).
      2 - ci sono librerie storiche portate avanti da generazioni... e ti scontreresti con persone che, dopo tutti questi anni, (si spera) hanno la forza di un mestiere. E tu parteresti disarmato.
      3- punteresti sulla letteratura, d'accordo, ma letteratura è un settore che, ad eccezione delle librerie per ragazzi, hanno tutti. Magari hai anche una cultura pazzesca e puoi interfacciarti col cliente nel modo migliore... solo... i primi tre libri che ho venduto oggi: Manuale del cane, il maxilibro dell'orto e (finalmente) una questione privata di Fenoglio. Narrativa vale circa un 40%, non oltre, delle vendite.
      Non sconsiglio di aprire un'attività che fa base ai libri, alcune delle librerie in cui lavoro sono molto redditizie (altre fanno una gran quantità d'acqua). Dipende. Dico solo che non è l'investimento più facile, costa molto, si ha un margine basso, è rischioso, non è romantico come si crede. Certo, è bello.

      Elimina
    2. Piuttosto chiaro. In effetti, in questi giorni, ho avuto modo di spulciare un po' in giro per il web ed ho constatato come effettivamente date determinate condizioni (come le città che avevo preso in considerazione) aprire un'attività simile sarebbe veramente molto difficile.

      Senza considerare il fatto che non potrei aprirvi un franchising (bacini d'utenza troppo ristretti), che a quanto ho letto in giro offrono dei servizi piuttosto comodi, ma soprattutto garantiscono un certo numero di titoli pagando poi solo ciò che verrà venduto (è un vantaggio non indifferente).

      In ogni caso, il tempo fortunamente è dalla mia parte e con calma potrò ragionarci su per bene ed eventualmente vedere se tentare un'impresa simile o meno.

      Elimina
  16. Ciao, la mia idea sarebbe di aprire una Liberia specializzata in libri per bambini. Locale sui 80-100mq - Centro del paese che ad oggi conta circa 15000 abitanti, oltre le piccole frazioni vicine, in cui ci sono tanti bambini (L'accesso agli asili e' per graduatorie) In realtà c'e una cartolibreria che ha un reparto libri per bambini ma la mia idea sarebbe di specializzarsi sul serio " sui bambini", ovviamente corredando la vendita con altre cosentine. PARERI, CONSIGLI ED ESPERIENZE PER FAVORE! HELP!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il locale, trattandosi di una libreria per ragazzi in un centro di 15.000 abitanti, potrebbe anche essere più piccolo... diciamo un 50 metri.
      Nel tuo caso c'è poco da dire: nelle stesse condizioni - più o meno - ho visto librerie campare decentemente e altre affondare nel peggiore dei modi. Dipende molto da te, da quanto ci sai fare. Il consiglio è
      1- di capire qual'è il tuo potenziale prima di spendere soldini.
      2- superare la fase 'romantica' del sogno scontrandoti con la realtà di uno dei MESTIERI più duri e complicati.
      Come? prova a chiedere un tirocinio, possibilmente presso una grande libreria non troppo vicina al posto che hai scelto per il tuo esercizio.
      Ciao,
      Kito.

      Elimina
  17. Si tratta di una cittadina ad alta vocazione turistica con 20.000 abitanti ca. ed una libreria storica in fase di dismissione e sede di una scuola di pittura che raccoglie pittori da diverse parti d'Italia che vi risiedono. L'idea era di soddisfare lo stesso target che frequenta le gallerie. La domanda è, considerati i margini risicati di una libreria, un edicola con vendita di libri attrarrebbe un pubblico di alto profilo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma se non c'è concorrenza... Comunque, con 20.000 abitanti e senza mire di ricchezza, ci potrebbe fare un pensierino.

      Elimina
  18. Buona sera
    stiamo per partecipare ad un bando per l'inserimento di disabili nel mondo del lavoro.
    Il finanziamento sarà, se concesso, notevole.
    La mia idea è quella di realizzare una libreria internazionale, con una buona quantità di titoli anche nelle lingue straniere più diffuse sul nostro territorio (inglese, americano,cinese, arabo, polacco, russo, albanese).
    Inoltre credo che sarà possibile realizzare all'interno dei locali un bar letterario ed inoltre pensiamo ad altre operazioni di marketing.
    Il paese nel quale si dovrà realizzare il progetto conta oltre 30.000 abitanti ed è sede di facoltà di Lettere e giurisprudenza.Vi sono poi molti paesi satellite intensamente popolati ecomplessivamente il bacino di utenza supera i 100.000 abitanti.
    I locali avranno una superficie complessiva di oltre 1000 mq ed il numero dei dipendenti complessivamente impiegati dovrebbe aggirarsi con contratto part time a circa 12 unità.
    Immagino circa 80.000 volumi
    Chiedo alcune informazioni riguardo ai costi complessivi per avviare il progetto (arredo locali, sistema di video sorveglianza, software di gestione archivio titoli, sistemi di catalogazione e gestione magazzino.
    Ringrazio per chi vorrà portare il suo contributo.
    presidente@acffadir.org

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Carlo, da libraio faccio fatica a darti una risposta per ciò che riguarda i costi non strettamente legati ai libri (es.videosorveglianza, arredamento ecc...) anchè perchè variano da situazione a situazione. Un buon software gestionale è decalibro (che segue ogni aspetto della libreria), ti conviene sentire con loro.
      1000 mq sono un'esagerazione. Ho lavorato in un paio di città con oltre 120.000 residenti e le librerie più grandi non arrivano a 350 mq. Una libreria di così grandi proporzioni ha bisogno di un bacino di utenza molto superiore. Senza entrare nel linguaggio dei librai e citare l'indice di rotazione... hai in giacenza 80.000 volumi, ne vendi in un anno 35.000 (e non sarebbe male), ma intanto devi pagare i 45.000 che non hai venduto e ti esponi finanziariamente. Questo è uno dei primi motivi che portano i librai a chiudere baracca.
      Veniamo al personale. Per un breve periodo, come sostituzione, ho lavorato in una grande città, in una libreria su tre piani e di oltre 900 mq di esposizione... eravamo in 23 e facevamo una fatica pazzesca. 12 persone sarebbero poche, pochissime. Inoltre vedo che la tua idea sarebbe di inserire persone part-time. Va bene se il part-time sta in cassa a fare scontrini, ma per avere il polso della libreria uno ci deve stare a tempo pieno.
      Quello che cerchi di fare è bello, va solo aggiustato in qualche punto.
      In bocca al lupo.

      Elimina
  19. Ciao nel mio paese di 10000 (con i paesi vicini si arriva a 20000) abitanti vendono un edicola a 10000 euro io volevo cercare di lasciare quotidiani e pochi giornali e inserire libri scolastici (per scuole elementari, medie), libri sacri (ad esempio i libri per il catechismo) e ordinare qualsiasi libro mi venga chiesto tenendo dei cataloghi. la libreria più vicina è a 20 km da me. cosa ne pensi ? quanto potrebbe essere la spesa oltre ai 10000 per acquistare l attività?

    RispondiElimina
  20. Lavorando sul venduto la spesa è 0 €. Il cliente paga il libro nel momento del ritiro e tu dopo 3 mesi. Per il resto dipende dai libri che vuoi tenere disponibili in casa... considera che dovresti rivolgerti a un grossista (non a un distributore), per cui la scontistica a te riservata sarebbe di circa il 25% o giù di lì. Inoltre, di solito le edicole hanno in giacenza edizioni di libri fuori catalogo... che pagano il 25% del prezzo di copertina e vendono a metà prezzo all'utente finale. Non so se ho capito bene la tua idea... ma con 2000 euro, un edicola può vantare un reparto libri di tutto rispetto.
    Solo una considerazione: il lettore di giornale è fedele, quello di libri molto meno. Il giornale lo si compra tutti i giorni, il libro no. Il giornale ti lascia più margine di guadagno. Perchè ridurre la quantità di quotidiani?

    RispondiElimina
  21. le edicole sono parecchie nei dintorni quindi volevo assicurarmi un guadagno in alcuni mesi dell anno portando libri che la gente compra ogni anno e nessuno offre qui in paese come scolastici, università, catechismo e altri libri e oggetti sacri che richiedono molto. xò su richiesta vorrei portare qualsiasi libro. secondo te è meglio tenerli a disposizione o ordinari solo su richiesta? se volessi aggiungere una copisteria cosa bisogna fare? nella mia provincia non esistono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la copisteria non ho la minima idea. Scolastici e universitari si ordinano su richiesta. Se vuoi tenere libri in giacenza assicurati che siano dei bestseller... Solitudine dei numeri primi, i libri di Volo, Dan Brown e questa robetta così. Se aspetti di vendere in un'edicola i libri di Ravasi stai fresco.

      Elimina
  22. Lasciate perdere, ho aperto una libreria di 1000 mq a Roma con altri soci e dopo un'anno e mezzo abbiamo chiuso. Andava bene ma la concorrenza sleale delle grandi catene (Fe) e l'assoluto menefreghismo ell'amministrazione pubblica locale (non si da il permesso di aprire a 100 mt di distanza un'attività uguale dopo in contemporanea chiudendo gli occhi su tutti gli abusi) non ti aiutano in nessun modo. La gente ci diceva sempre che eravamo meglio dei grandi (42000 titoli e molti piccoli editori) ma alla fine anche gli editori ci hanno tagliato le gambe (pur avendoci promesso ponti d'oro).

    RispondiElimina
  23. Salve, anche se i commenti che ho letto sono abbastanza scoraggianti, la mia idea era quella di aprire un'edicola-libreria in un paese di 3000 abitanti circa,con i paesi limitrofi arriverebbe a 4000. Ovviamente conterei di guadagnare anche con articoli di cancelleria ecc..che ne pensate, è un suicidio? ps. premetto che non avrei spese di affitto ecc.perchè il locale è il mio

    RispondiElimina
  24. Ciao a tutti!
    Anch'io sono della banda di chi vuole aprire una libreria!
    Pazzo scatenato e quant'altro.... ma soprattutto con una certa età e ormai un po ne ho viste...ho fatto un sacco di lavori inutili sia professionalmente che umanamente ed ora ho deciso, non trovando abiti della mia taglia, di farmeli su misura; comporterà rishi e sacrifici, ma meglio sapere dove andare e non sapere come che sapere come senza sapere dove!
    Nel frattenpo affilo le armi e se sarà sangue, che sia! Certo non sarà solo il mio!Avevo alcune domande:
    1 Qual'è la massa critica minima in termini di numero di titoli?
    2 la metratura minima?
    3 Esistono finanziamenti specifici in parte anche a fondo perduto?
    4 E' commercialmente parlando interessante vendere insieme libri, vinili, giradischi, materile per belle arti e bigiotteria etnica( avendo una libreria piuttosto specializzata)?
    5 E offrire un sistema informatico in cui il cliente può andare a vedere dov'è il libro che da te non ha trovato? ( un sistema collegato con altre librerie e biblioteche....nel senso: si intercetta la domanda e quindi le librerie che aderiscono differenziano l'offerta!)
    6 Come reagirebbe la clientela ad una libreria con le librerie vasculanti? ( mi spiego: dietro la classica fila di librerie e davanti, su delle rotaie, un'altra fila di librerie in rapporto 3 dietro-ferme/2 davanti che si muovono) ...tecnicamente è possibile e usato nelle biblioteche e nell'archivistica e permette anche un bell'effetto scenico....a qualcuno immagino potrebbe non piacere ..sei li che vedi i libri e ti devi spostare perchè un altro cliente deve vedere quello della libreria dietro.....VOI COSA NE DITE?

    Devo scusarmi per il tono un po polemico: niente di personale, anzi è una discussione bellissima e ringrazio tutti e soprattutto Kyto per averla animata così professionalmente.........lancio un sasso, ma non so cosa pensare:
    UN'AZIENDA DI TORINO NEL CAMPO DEI SERVIZI PER L'EDITORIA HA LANCIATO UNA NUOVA MACCHINA, GIA' PRESENTE NEGLI STATES CHE SI CHIAMA " EXPRESSO BOOK MACHINE" ; PENSO COSTI UN SACCO DI SOLDI , MA E' DAVVERO RIVOLUZIONARIA A QUANTO DICONO: E' COLLEGATA AD UNA PIATTAFORMA DI CONTENUTI A LIVELLO MONDIALE E QUINDI IN TUTTE LE LINGUE E PERMETTE DI STAMPARE UN LIBRO IN POCHI MINUTI; TRASFORMA FILE, EBOOK IN CARTACEO...POTREBBE ESSERE UN'IDEA PER UNA LIBRERIA? (PER CHI HA UN PO DI PALANCHE -COME DICIAMO DALLE MIE PARTI- CHIARAMENTE!)

    Ciao a tutti mi chiamo Paolo aspirante libraio e curo il blog wwww.radionuvoleinpantaloni.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Paolo, oggi non credo che riuscirò a toglierti tutte le curiosità... ho pochi minuti liberi e poi me ne vado in libreria. Diciamo che mi tocca risponderti a puntate.
      1. Non c'è un volume minimo di titoli, anche se aprire senza un assortimento di almeno 6.000 - 7.000 opere (per le librerie di varia) è abbastanza azzardato, secondo me. Il che siglifica all'incirca 15.000 libri.
      2. Anche qui, non c'è un limite massimo o minimo. Tieni presente che un esposizione ideale vuole più o meno 100-120 libri per metro quadro.
      3. Non so, ma non credo. Forse finanziamenti per imprenditoria femminile o imprenditoria giovanile. Qui servirebbe il commercialista.
      A presto,
      Kito.

      Elimina
    2. Eccomi ancora qua per finire ciò che ho cominciato.
      4. Quasi tutte le librerie ormai aggiungono altri prodotti al libro, magari prodotti che lasciano un maggiore margine al dettagliante. Ma la cosa dev'essere compatibile con lo spazio a disposizione, con il tipo di libreria e con i soldini a disposizione.
      5. mmm... sei sicuro che gli altri abbiano la stessa etica? Di solito si usa dire: "Non ce l'ho, ma lo possiamo ordinare. In pochi giorni avrà il suo libro". Commercialmente è molto più efficace.
      6. Mi dispiace, ma no. Il posizionamento dei libri è importantissimo. Un libro in pila vende molto, uno di faccia a scaffale vende abbastanza, uno di costa a scaffale vende poco... uno seppellito dietro alla tasca cosa vende? L'occhio del cliente è il miglior alleato del libraio, e i libri si devono vedere.
      7. Qui, Paolo, questa macchina apre un mondo. Che non conosco. Bisognerebbe vedere come funziona coi diritti d'autore e similia. Non credo che Garzanti lasci stampare al primo arrivato i suoi libri (di cui ha pagato i diritti, la traduzione, la correzione ecc...). E detto tra noi, sperando che i miei colleghi non capitino da 'ste parti, credo che la via che i librai dovrebbero imboccare è più vicina all'eBook che non a un nuovo modo di stampare libri.
      In bocca al lupo! Un sorriso, Kito.

      Elimina
  25. Salve, vedendo tutti i post sono un scoraggiato ma la mia idea la voglio buttare. Ovviamente non c'è nulla di innovativo, ma stavo pensando di aprire una libreria per ragazzi e volevo consigli.
    Dove aprirla non lo so, volevo vedere in giro, principalmente centro italia, una località con almeno 80-100 mila abitanti dove non ci sia già una Lib. x ragazzi.
    Mi hanno consigliato oltre che vendere libri di fare tante attività correlate con bambini e scuole.
    Ma mi domando? quanti ci vuole per aprire una libreria che abbia, come ho letto, almeno un buon numero di volumi?
    L'arredamento? si Ok dipende, ma più o meno quanto si può spendere per fare una cosa decente e che piaccia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente una libreria specializzata richiede un investimento minore rispetto a una libreria di varia. A occhio e croce (con tutti i dipende del caso) te la puoi cavare 30-35.000 € per i libri (al netto). Avresti in questo modo un buon assortimento.
      Faccio fatica a darti un costo per arredamenti ecc... , ma azzardo, per un negozio di 50-60 mq, una spesa attorno ai 15.000 € per cassa, pc, scaffalature e gestionale. Poi se devi rifare i pavimenti... è un altro paio di maniche ;o)
      Kito

      Elimina
  26. Io ho avuto una libreria per 15 anni e ve lo dico con la morte nel cuore perchè è il lavoro più bello del mondo , oggi aprire una libreria equivale a suicidarsi. Puoi avere il bar il caffè letterario o quello che ti pare ma non solo non ci guadagni ma perdi anche i soldi che magari hai da parte perchè mangiare devi mangiare. Solo nel 2012 hanno chiuso in Emilia 23 piccole librerie di paese. Il sogno è bellissimo ma è per l'appunto un sogno

    RispondiElimina
  27. salve,
    io vorrei aprire una libreria nella mia città che è molto importante culturalmente tanto da avere diversi siti a livello nazionale e non solo nel turismo internazionale.
    di recente un gemellaggio con musei a parigi,per dire a che livello siamo.
    ci sono circa 100 mila abitanti,più le due città adiacenti di riferimento nella provincia con altri 200 mila in totale.
    stiamo almeno a 300 mila come bacino utenza.
    sapete perchè da tempo ho questa idea ?
    per il semplice fatto che 300 mila persone per acquistare testi universitari devono fare 60-70 km andando nell'altro capoluogo.
    NON C'E' NESSUNO IN TRE CITTA' IMPORTANTI NEL TERRITORIO CHE SI INTERESSI DI UNIVERSITA',SI RIFIUTANO ANCHE DI ORDINARE.
    ricordo ancora il periodo universitario,è stato veramente tragico per me e per tantissimi altri.
    prendere il treno,sprecare due ore e soldi per visionare o acquistare un testo che invece di regola dovrebbe essere nella tua città.
    E' UNA VERGOGNA ASSOLUTA.
    tra l'altro la mia città ha già delle sedi distaccate di università (professioni sanitarie),tra la mia e la città adiacente c'è un'università privata molto importante (economia,giurisprudenza).
    quindi è ancora più assurdo.
    secondo me se i ragazze leggessero un qualcosa tipo "testi universitari" si catapulterebbero all'interno.
    ho lavorato duro ed ora ho la cifra necessaria secondo me,ho visionato anche un luogo che potrebbe andare (è enorme comunque,a più piani,c'era una banca prima).
    solo che non saprei a chi chiedere lumi per un'infarinatura di base,non conosco nessuno che possa indirizzarmi ed in famiglia non sanno aiutarmi.
    ho giusto mio zio che era ragioniere,può dirmi qualcosa a livello di contabilità e pratiche.
    mi servirebbe qualcuno che opera però nel settore.
    grazie a chiunque voglia darmi una dritta

    RispondiElimina
  28. ah una precisazione:
    io vorrei una mia libreria senza sponsorizzare o affiliarmi ad altri.
    io devo gestire tutto,non fare il burattino a distanza di altri che mangiano grazie a me.
    ho mio cugino che è esperto di siti web e può farmene uno di ottimo livello.
    io penso che si debba puntare anche al mondo online,non solo "piccolo è bello".
    inoltre nella mia libreria certi filoni non dovranno esistere.
    cotto e mangiato,libri di colorado,le rivelazioni di corona,moccia,come conquistare il tuo uomo e via così.
    neanche su ordinazione.
    se lo possono scordare,io non mi abbasso a certi livelli per qualche banconota in più anche perchè ho già un'entrata sufficiente a vivere discretamente.
    io voglio una libreria di livello medio-alto,non nazional-popolare.
    io punto al 6% di lettori accaniti come me,io leggo oltre un centinaio di libri impegnativi all'anno.
    ovviamente quel 42% di lettori più o meno saltuari fa più gola,con vari distiguo per l'appunto.
    inoltre io da quando ho sviluppato una capacità critica alle medie odio con tutto me stesso le catene industriali/commerciali o la bassa qualità,infatti boicotto entrambi sistematicamente.
    io penso che si possa ancora guadagnare nel 21simo secolo grazie alla qualità e alla professionalità.
    dov'è la professionalità delle catene ?
    soci mettono il danaro senza per forza conoscere quel campo,arrivano i disperati che mandano curricula ovunque e ne scelgono alcuni,una guardia giurata all'ingresso,paghi l'affitto e via a far soldi.
    questa è qualità ?
    ma quando mai,trovi di meglio online e solo l'ignoranza tecnologica degli italiani porta il guadagno di queste catene perchè guardano sotto casa per comodità (nella loro ignoranza non sanno sia il contrario,molto più comodo avere un mondo a disposizione che una scelta limitata e non c'è neanche il proprietario con cui discutere.no tutti impiegatuncoli e cassieri,qualche responsabile che non può prendere impegni dato che ci sono altri sopra di lui).
    a parte poi tutto il marcio che c'è dietro con pressioni politiche e concorrenza sleali,pensiamo alle coop che altrimenti sarebbero fallite da una vita.
    no,non è questo il mio sogno.
    la mia idea è una libreria che sia un ritrovo culturale per universitari o lettori istruiti,dove trovi persone con cultura enciclopedica che sanno consigliarti e suggerirti in maniera opportuna.
    non come gli ipocriti commercianti "sì non si preoccupi,va benissimo".
    imbarazzante anche da commentare,falsi come giuda.
    oppure al cinema "guardi,io non l'ho mai visto ma mi hanno detto sia bellissimo".
    ah ma davvero ?
    io chiedo a te,tu mi riporti recensioni altrui.
    e cosa ci stai a fare in un luogo culturale?
    voi vi fidereste di un nonno che ha vissuto la guerra o di uno che la racconta per sentito dire?
    il mio principio è il seguente
    "non vendere agli altri ciò che non acquisteresti tu convinto"
    quello dei più guardandomi intorno è invece:
    "vendere e fatturare,come e perchè sono secondari"
    attenzione,non sono un'idealista venuto da marte.
    già vivo da diverso tempo facendo impresa così.
    non solo questione di etica ma di coerenza con i principi in cui si crede.
    io sono stato cliente di librerie e so cosa si provi a trovare bifolchi incapaci di collegamenti tra discipline e studiosi.
    che fanno questi ?
    il loro bel pc collegato,ti dicono se sia presente o ordinabile in base ai loro fornitori.
    quattro chiacchiere sugli autori più conosciuti.
    non sanno far altro.
    sono di una mediocrità allibente.
    fossi io il proprietario verrebbero licenziati in tronco,anzi neanche assunti.
    ad esempio nella mia libreria trovando una persona che legge la quarta di copertina di machiavelli,beh ci vuole poco a collegare montesquieu ed altri pensatori storici dello stato moderno indicandone la posizione nello scaffale.
    poi compra/non compra ?
    vediamo,intanto tu fai capire di essere davanti ad una persona imparziale e di cultura che non ti prende in giro per piazzarti porcate che dovrebbe mettere in resa invece.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, per approfondire questa discussione servirebbero tre vite. Cercherò di darti una mano, ma c'è davvero troppo arrosto sul fuoco per trattare tutto in modo esaustivo.
      1- una libreria universitaria può essere un'idea. Il pro è che non ci sarebbe concorrenza, da che ho capito. I contro però non mancano: il margine è molto ridotto 15-25%; i tempi di pagamento sono più corti; i volumi universitari occupano uno spazio enorme e un magazzino grande costa; Maggiore costo per il personale o disservizio al cliente (quando gli studenti arrivano con la loro brava lista di libri da ordinare ti portano via 20 minuti e si crea coda... poi aggiungi altri 20 minuti per ordinare i libri che in precedenza hai cercato e scoperto essere disponibili e 10 minuti per richiamare il tizio della lista e dirgli che il titolo X non è più in commercio); Rese in più da fare (e le 24 ore sono già occupate dai compiti che normalmente devi svolgere); devi stringere accordi con 1000 fornitori diversi con relative 1000 beghe in più (e, credimi, per quanto tu possa correre, il tempo non basta).
      Vedi, non tutto il mondo è fatto di pigri e mediocri... probabilmente se i librai della tua zona non ordinano scolastica è perchè avranno fatto i loro bei conticini. (PS: le librerie di varia NON POSSONO ordinare libri universitari, non è che semplicemente NON GLI VA... si tratta di categorie diverse, con fornitori diversi... un po' come chiedere al macellaio un barattolo di marmellata: sempre alimentari è, però...).
      2. Libreria indipendente significa margine più basso e costi più alti di avviamento, ma la libertà ha il suo prezzo. Il montemerci della libreria dove lavoro si aggira sui 500.000 euro e più o meno aggiungerei altri 150.000 euro tra attrezzature, arredamento e softwer. Fosse un franchising spenderesti circa 100.000 euro totali e pagheresti i libri solo quando e se venduti anzichè a 90 gg dalla consegna. Comunque niente da dire, la scelta e tua e in qualche modo ci avrai pensato su.
      3. Sito web. Anche qui nulla in contrario, l'unico consiglio è quello di vedere se ti rimane tempo da dedicare. Mai cominciare, spendersi per una cosa che non sai se puoi portare avanti (io non ci riuscirei, col tempo che mi rimane).
      continua sotto altro commento

      Elimina

    2. 4. Riguardo a "i filoni che non devono esistere": qusto è un errore che costa SEMPRE caro. NON APRIRE UNA LIBRERIA CON QUESTA IDEA. Professionalità significa servizio al cliente e rispondere al tizio che vuole acquistare l'ultimo di Volo "non glielo ordino, non tratto questo genere di libri" equivale a dargli del bifolco. E il bifolco non tornerà mai più nel tuo negozio.
      Ma andiamo avanti. E' possibile che un forte lettore oltre alla Storia dell'arte di Gombrich voglia acquistare per sua mamma il ricettario della Clerici. Da te non c'è. Credi che visiti due librerie o che vada direttamente dal tuo concorrente che tiene tutti e due i volumi? Secondo me la seconda.
      E ancora: la lettura è un percorso, si comincia dal basso per scalare le vette letterarie solo quando si hanno i mezzi culturali per farlo. Ti faccio un esempio: qualche anno fa si presentò in libreria un ragazzo che acquistò un Fabio Volo. Tornò dopo un po' per cercare qualcosa "tipo" fabio Volo giacchè di quello vero aveva già letto tutto. Gli consigliai allora Nick Hornby, e ne fu entusiasta. Gli feci leggere john fante, lo apprezzò al punto da informarsi e acquistare un libro che aveva scoperto su un testo di critica essere uno tra i preferiti di fante: Fame di Hamsun.
      Quindi, ricapitolando, passò dalla cosa più commerciale del mondo al... CATALOGO ADELPHI! I forti lettori vanno prima creati e poi acquisiti, non snobbati.
      Infine la cosa più importante: l'indice di rotazione. Non campi vendendo Platone, anzi riesci a tenere Platone proprio perchè vendi un sacco di libri di Cotto e Mangiato che ti danno (meglio, ti dovrebbero dare) liquidità sufficiente per pagare a 90 gg l'apologia di socrate che magari non venderai prima di 150 gg dall'arrivo. E' complicato, lo so. Cerco di spiegarmi: Paghi cotto e mangiato a 90 gg, ma lo vendi a 60 gg dall'arrivo e ottieni liquidità anticipata rispetto a quando lo dovrai pagare. Platone invece lo paghi a 90 gg ma lo vendi dopo 120gg. Come fai a pagare il libro di Platone a 90 gg se te ne rimangono 30 prima di venderlo e incassare liquidità? (120 gg - 90 gg). Utilizzerai la liquidità disponibile derivata dalla vendita di cotto e mangiato. No Parodi? No party e no Platone.
      5- Le catene di librerie. Non è che una libreria di catena è scadente punto e basta, mentre una libreria indipendente è bellissima. Dipende chi ci lavora dentro e quanta passione mette nel suo lavoro. Ho visto librerie belle e librerie brutte, di catena o indipendenti.
      6- mediocrità dei librai. Non dico sia impossibile che un libraio sia un nano mentale, ma è molto difficile. Sta in mezzo ai libri tutto il giorno tutti i giorni, e qualcosa ne sa per forza. Ma questa è una pecezione diffusa tra i lettori che non sono stati dall'altra parte del banco. Per quanto si sforzi, un libraio potrà leggere un centinaio di libri l'anno (chi pensa che un libraio abbia tempo di leggere durante le ore di lavoro, non ha davvero capito un'acca) e dare giusto un'occhiata alla copertina degli altri 49.900 volumi che arrivano in libreria ogni anno. Chiaro che con 100 letture approfondite, spalmate su tutto il catalogo, un libraio non potrà mai competere con uno studioso di etologia parlando di libri di etologia. Il 99% dei clienti pensa che il libraio abbia letto tutti i volumi presenti nell'esercizio ed evita di fare due conti e arrivare alla conclusione (per altro molto semplice) che servirebbero circa 350-400 anni per sfogliare tutti i titoli presenti in negozio (senza contare le centinaia di libri nuovi che escono ogni giorno). Ma il mestiere degli altri è sempre più bello e più facile, no?
      Per fugare qualche dubbio in più ti consiglio di leggere "Aprire una libreria" di Galla, Ed. Bibliografica.
      Spero di essereti stato di aiuto.
      Un sorriso e un in bocca al lupo ;o)

      Elimina
  29. grazie della risposta innanzitutto.
    attenzione,io non snobbo queste persone in maniera spocchiosa ma semplicemente credo che la libreria sia un luogo culturale e quindi ci dovrebbe essere ciò che è cultura.
    allora non andare in libreria quando trovi pure in edicola certe iniziative.
    poi che uno parta da moccia a finisca a saramago non ci credo neanche con un video,ma questa è una mia convinzione quasi da postulato.
    inoltre io non ho parlato dei librai,ma di chi lavoro sotto di loro.
    io critico i dipendenti,non metto in dubbio che a monte ci possa essere un responsabile con una cultura enciclopedica peccato che non si veda nelle catene.
    non è però quello che si trova da feltrinelli ad esempio.
    non nella mia feltrinelli perchè io dovunque vado ho l'abitudine di andare nelle librerie e quindi conosco molte feltrinelli.
    io mi trovo davanti una persona che nella sua postazione mi dice "c'è/non c'è.se vuole posso ordinarlo/lo trova nello scaffale x"
    per esempio settimana scorsa ho detto "l'ultimo di krugman",mi ha indicato il luogo subito.
    se avessi detto "senta,non ricordo il titolo del libro del prof.gozzini,parla della televisione nel corso della repubblica italiana" sta tranquillo che avrebbe dovuto digitare.
    non per guardare il catalogo,bensì per capire di cosa stessi parlando.
    dovrebbe essere il contrario,perchè il lavoro dovrebbe spingerti a conoscere meglio di chi è solo appassionato.
    come se io conoscessi il calcio meglio di fabio capello,una contraddizione.
    non è una questione di librerie eh,sono proprio le catene.
    per questo io non le sopporto.
    puoi anche avere un buon prezzo ma se l'assistenza pre-vendita è scadente allora che senso ha ?
    la gente deve essere esperta di suo per non cadere in acquisti sbagliati,si sa che vuoi per tempo vuoi per predisposizione i più non ricade in quel profilo.
    a me non piace prendere in giro la gente.

    RispondiElimina
  30. ah poi non ho capito il fatto di non poter ordinare.
    perchè non possono scusa ?
    i libri universitari sono anche libri comuni,ad esempio quello di krugman che ho preso settimana scorsa è nel programma di scienze politiche di quest'anno.
    tuttavia lo comprano migliaia di persone non iscritte all'università.

    RispondiElimina
  31. ultimissima nota,scusa per i post spezzettati ma son impegnato.
    perchè dici che non si campa con la cultura ?
    se ho i testi universitari e si presentano tanti studenti della città perchè non dovrei vendere platone a raffica ?
    basta che un professore mettesse "la repubblica" nel programma,sai quanti ne venderei in pochi giorni.
    pure a me è successo così ai tempi dell'università.
    nella città universitaria quando entravo nella libreria subito "ah anche lei cerca questo,oggi va di moda" perchè ne vendevano a decine e decine come fossero cocktail il sabato sera.
    non sono d'accordo su questo punto.
    io le uniche controindicazioni che vedo sono due:
    1)i ragazzi che prendono testi usati o li fotocopiano
    1)il fatto che l'online in questi anni è più diffuso,prima non era così.
    pensa a webster ad esempio,senza il web non sarebbe niente.
    anche se comunque la volontà di aprire luoghi fisici c'è sempre.
    hai visto il passo di ibs in questi mesi ?
    secondo me è un segnale importante,come per le agenzie di scommesse,per dire che ci sia ancora lo zoccolo duro che vuole sfogliare e consultare la libreria in città.

    RispondiElimina
  32. Sono sicuro che non useresti un tono spocchioso o saccente nel dire che non tieni fabio volo, ma dall'altra parte, fidati, le cose non stanno così. Il cliente vede superficialità (per non dire di peggio)anche dove non c'è. Sia come sia il risultato non cambia: tizio non ha trovato il suo libro e quindi sei sfornito (non capisce neppure che hai fatto una scelta di titoli). L'altro giorno una signora si è inviperita perchè non conoscevo il libro che desiderava tanto... solo che era un blog (poco visitato, per giunta) non un libro. Pensa se vedesse il libro che vuole in tutte le altre vetrine e tu... Questo per darti l'idea. E sono tutt'altro che casi sporadici.
    -
    Veniamo al perchè non tutte le librerie possono ordinare scolastica: perchè devono aprire un conto con altri fornitori, quindi devono garantire un minimo d'ordine (non spediscono un pacco con dentro un libro da 7€ o comunque non sarebbe la norma) e non sempre riesci a mettere assieme una spedizione decente in tempi di consegna decenti, non posso far aspettare un cliente 3 mesi per avere un libro di studio che gli serve subito e, similmente, non posso sostenere 15€ di spese di spedizione per incassarne magari 12. Inoltre la quasi totalità dei fornitori chiede che tu tenga in giacenza un certo quantitativo di volumi disponibili alla vendita immediata (e dove cavolo potrei metterli? mi domando).
    A volte i testi adottati dalle università coincidono con i libri di varia (libri comuni, per intenderci), in questo caso tutte le librerie possono ordinare. Se non ti hanno ordinato Krugman (distribuzione Messaggerie) hanno commesso un errore.
    -
    continua sotto altro commento

    RispondiElimina
  33. Dire che di cultura non si campa è certamente relativo, ogni realtà è a se e siamo d'accordo. Ma, per riportarti il mio esempio, pur lavorando in una libreria di centro storico e con un certo tipo di cliente medio, i libri "alti" risultano essere un 8-10% delle vendite. E abbiamo l'assortimento più vasto non so se della regione, ma di sicuro della provincia.
    E mettendo assieme tutte le vendite di questo tipo non credo che faremmo pari con l'affitto. Forse neppure con le sole bollette. Diciamo che il libraio ha già molti limiti di guadagno, non vedo perchè aggiungerne altri quando puoi tenere sia un libro che l'altro. Se etica ci deve essere, essa non deve essere espressa nel cancellare un libro che vende dal catalogo, semmai nel consigliare un titolo piuttosto che un altro e lasciando il cliente libero di scegliere.
    -
    Competenza dei librai. Un discorso che richiederebbe di sedersi per una lunga chiacchierata davanti una birra. E' davvero complesso da spiegare e lo si capisce solo lavorando dentro una libreria, e non pretendo che tu mi creda sulla parola. Il fatto è che in commercio ci sono oltre 360.000 titoli, solo venerdì me ne saranno arrivati un centinaio del tutto nuovi. Anche il miglior libraio non può ricordarseli tutti, anzi, sarebbe già un fenomeno se si ricordasse un terzo dei titoli e dove si trovano (sapere di cosa parlano tutti quanti sarebbe un'utopia lontana dal vero quanto paperino è lontano dall'assomigliare a una mazza chiodata). E detto tra noi, ma se mi chiedi di cosa parla l'ultimo di Danielle Steel cadrei dalle nuvole (a meno che non sia stato recensito da uno dei maggiori quotidiani - che mi sono letto a casa nel mio "tempo libero", non in libreria) perchè non me ne importa affatto di sapere chi ama chi e se tizio poi ha sposato Pincopallina. Mi chiedi un noir e mi trovi ben preparato... Ognuno sa, compatibilmente con la propria sfera di interesse.
    D'accordo, il libraio deve essere un po' scienziato, ma giusto un po', perchè per il 90% del tempo deve calarsi nella pratica (diventando simile a un facchino), mettere in ordine, servire il cliente, pulire gli scaffali, caricare i 30 colli che arrivano, incazzarsi con il corriere, sistemare le vetrine in modo coerente, chiamare gli editori, togliere titoli che non vanno dallo scaffale, prenotare novità, rispedire i titoli richiamati, controllare i fuori catalogo, fare rese, trasportare colli, concordare rese e rifornimenti, concordare l'adesione o meno alle campagne promozionali, rispondere a 50 mail, inviare gli ordini, controllare le prenotazioni, spiegare alla cliente rincoglionita che non puoi farle avere un blog, collocare i nuovi arrivi, controllare bolle e fatture, organizzare la presentazione del venerdì, contattare i mezzi di stampa, informarsi sul perchè il pacco x non è ancora arrivato, sistemare di nuovo perchè il reparto bambini sembra essere esploso, ecc...
    Se non facesse tutto questo, magari per informarsi su cosa dice il tot libro o magari per ciarlare dei massimi sistemi con un cliente sapientone (come facevano i librai di vecchia generazione, del tutto simili ad autoritari santoni della letteratura), be', o la libreria chiude in pochi mesi (come è toccato in sorte ai santoni di cui sopra) o i colleghi riserveranno al libraio in questione un trattamento del tutto simile a quello che ha avuto il povero San Sebastiano. In sostanza, puoi essere Maradona (o fabio capello) ma se non corri stai a sedere.
    -
    Internet? Spero solo che i librai tradizionali si diano una svegliata.

    Un salutissimo,
    Kito.

    PS: fabio capello è un genio del calcio e conosce tutte le caratteristiche del settore... solo che un cliente gli ha appena domandato un libro a proposito del tennis-tavolo.
    ;o) caro mio, non è così facile destreggiarsi in così tanti settori (e sottosettori)!

    RispondiElimina
  34. Kito sì ma vedi io distinguo sempre il luogo culturale dal resto.
    quando vado a giocare il biglietto da eurobet non pretendo che la ragazza dietro il bancone sappia certe cose tecniche.
    non le vado a chiedere l'aggio dell'agenzia,la lavagna del quotista etc.
    non è tenuta a saperlo.
    lavorare in una libreria,in un teatro,in un cinema,in una galleria d'arte è diverso.
    non ci prendiamo in giro.
    ho preso l'ultimo libro in inglese di un grandissimo,tony judt.
    spero tu lo conosca.
    allora non è possibile che io debba fare lo spelling quando lo chiedo.
    queste cose ti fanno cascare le braccia.
    uno degli intellettuali angloamericani più influenti nel dibattito accademico e pubblico.
    non esiste.
    a me queste cose fanno proprio innervosire e mi convincono sempre più ad aprire una mia libreria per differenziarmi.
    comunque ho ordinato il libro che mi hai consigliato,insieme ad un altro che parla del futuro dei libri con l'avvento dell'e-book.
    ti dirò che sono ancora affezionato alla carta io,anzi nutro pure dei dubbi sulla conservazione digitale del materiale perchè ad oggi si è visto come manoscritti secolari son rimasti in buono stato mentre i supporti fisici tecnologici dovranno essere testati a lungo termine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito che per quanto mi sforzi non riuscirò a farti mai cambiare idea, d'altra parte - e per fortuna- siamo in democrazia ;o). Ma ci tengo a ribadire un concetto fondamentale: la libreria è in buona parte un luogo culturale, certo, ma SOPRATTUTTO è un'impresa con tanto di partita iva. Judt so bene chi è (letture e sapere personale), ma non pretendo da un libraio che conosca tutti i suoi testi, l'importante è che sappia dove trovare i libri. Perchè? Perchè uno che legge questo genere di opere ha già tutte le informazioni, non ha bisogno di suggerimenti. Anzi, nel 99% dei casi entra in libreria e si precipita egli stesso allo scaffale giusto (roba da lettori forti, che passano tempo in libreria e la conoscono bene). Quello che va consigliato è il cliente che non sa cosa vuol leggere. "ho letto Faletti". "Bene, se le è piaciuto potrebbe provare qualcosa di Deaver". L'assistenza viene richiesta principalmente nei settori da lettori occasionali, come la nonna che vuol regalare "qualcosa" alla nipotina di 3 anni e non sa neppure che forma abbia un libro.
      La presa in giro, se c'è, non è nel libraio che ti chiede lo spelling dell'autore (trovo che sia anzi una lodevole forma di umiltà, atta a trovarti il libro nel minor tempo possibile), ma in quei santoni che parlano del libro CHE NON HANNO LETTO (fingendo di esserselo gustato fino all'ultima pagina), ma del quale hanno scorto unicamente e frettolosamente una recensione (SE, tra l'altro). Quello COMMERCIALE, quello che vuole vendere a tutti i costi, bada bene, è il santone non il libraio che ti chiede come si scrive judt. E lo dico perchè conosco bene l'articolo. Ogni nuovo libraio comincia così (e spesso il vizio si mantiene nel tempo). Una volta entrò un tizio che chiese un libro di un'autore arabo dal nome impronunciabile. Il mio collega partì a razzo e scomparì tra gli scaffali(come a dire "Sì, diavolo, lo conosco come conosco mia zia). Io rimasi agghiacciato da tanto sapere, roba da non credere, per uno che faceva questo mestiere da tre mesi. Poi lo scopririi nascosto in magazzino che trafficava con google in cerca di informazioni utili alla ricerca, con poco successo per giunta. Morale della favola: ci mise una vita a capire di che autore si stesse parlando, e una volta risolto l'enigma il cliente se ne era già andato piuttosto scocciato. Se il mio collega avesse domandato "ma di cosa parla il libro?" o "Mi aiuta? come si scrive l'autore?" probabilmente avrebbe reso un servizio migliore. Anzi, il cliente si sente importante quando ne sa palesemente più del libraio.
      Vogliamo fare cultura senza rimetterci gli occhi? E allora diamo vita a un circolo culturale, a un salotto letterario, al club "Amici della zoologia"... no?
      Va bo', poi fammi sapere cosa ne pensi del testo di Galla.
      Un sorriso,
      Kito.

      Elimina
  35. Salve! Scusi la banalità della domanda, ma vorrei sapere - orientativamente - quale spesa iniziale (con relative voci nello specifico) si dorebbe sostenere? Ho la possibilità di un locale di circa 80 mq ad un pò di liquidità a disposizione. Inserirei anche un angolo ristoro ma di margine. A fronte delle sue risposte m'è sorto solo un grosso dilemma: il bacino d'utenza del mio paese! E' un aspetto che non sto curando molto e forse dovrei in quanto troppo importante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Andri, ho appena scoperto il mio primo capello bianco, per cui, per favore, evita di darmi del lei. Che mi fa sentire vecchio. 80 mq significano, più o meno, 8000 libri in giacenza (il minimo sindacale per una libreria di varia). Mediamente, poi dipende dai settori che vuoi favorire, un libro a te costa sui 13 €. Il conto è presto fatto: 104.000 € . Se hai forza contrattuale, è possibile tu riesca ad avere in deposito diversi volumi... quindi, per i libri, terrei a mente una spesa che si aggira sugli 80.000 €. Alla quale si aggiungono i costi per arredamento, pc e software (ma questi variano molto in base a cosa vuoi fare tu, a quale layout vuoi dare al tuo negozio). Per la partita iva puoi considerare, se guadagni niente (altrimenti la spesa si alza) 500-600 € al mese. Poi ci devi mettere affitto e bollette.
      Il bacino di utenza in sintesi: saresti la libreria di riferimento per almeno 20.000-30.000 abitanti (non lettori, abitanti)della zona? Se sì, bene. Più è alto questo numero e più hai possibilità di guadagnare. Se no, ti sconsiglio di aprire.
      Ciao ciao,
      Kito.

      Elimina
    2. capelli bianchi a parte .. che capisco benissimo... sei fantastico nelle risposte sempre gentile, cortese, molto preciso e dettagliato in poche righe.. e cogli sempre il segno oltre a consentire di guardare le cose anche da un'altra prospettiva che prima non vedevamo.. Grazie mi sta aiutando molto leggere le tue risposte.. (sebbene sia tra le pazze più pazze voglio aprire una libreria in un paese tursitico di 4850 abitanti che arriverebbe a 8500 con comunelli gravitanti e forse 10000 per amore..)GRAZIE KITO ... DADA

      Elimina
  36. Wow, quanto disfattismo personalmente portiamo avanti (io e mia moglie) una Cartolibreria dal 1999 e posso dire che anche se non sono diventato un collega di Bill Gates, posso dire di portare avanti una vita dignitosa.
    Per chi vuole aprirsi una libreria consiglierei di affiancare qualcos'altro che sia cancelleria, belle arti, ecc. ecc. i sogni sono belli ma la realtà è un'altra cosa, personalmente non mi reputo un grande lettore viaggio su una media di un libro ogni mese e mezzo, e forse non sono un grande conoscitore di Judth (spero di averlo scritto bene) ma mi reputo una persona molto umile e quando un cliente mi chiede di un libro di un'autore che non conosco non ho paura di chiedere lo spelling. Penso infatti che il cliente vada ascoltato qualsiasi sia il libro che abbia intenzione di acquistare....

    In ultimo vi dico credeteci e lavorate sodo che i risultati si ottengono

    RispondiElimina
  37. Vero, la cartoleria/cancelleria è un'ottimo prodotto da affiancare al libro. A patto che sia un certo tipo di prodotto. Quaderni particolari, penne di qualità e robina ben fatta non intaccherebbero la "serietà" del negozio, anzi garantirebbero margini ben superiori a quelli apportati dal libro. Si tratta dell'oggetto acquistato "di impulso", che fa aumentare il valore dello scontrino medio. E ancora, è utile riflettere sul fatto che la vendita di una penna a 3 € mi garantisce un ricavo non molto inferiore a quello che mi dà un tascabile.
    Per il resto, non si tratta di disfattismo, bensì di aver chiaro in mente che è giusto sognare, ma poi la realtà si mostra in quello che è: cultura, d'accordo, ma impresa soprattutto. In una libreria che funziona c'è da correre più che far filosofia ;o).
    Grazie per la tua utile testimonianza.
    Kito.

    RispondiElimina
  38. Anthony:
    Caro kito, ho letto tutta la lunga conversazione con aspiranti librai e, a questo punto, mi aggiungo anche io.
    Dopo lunghe "indagini sul campo" a Roma dove vivo, ho capito che aprirsi una libreria che venda solo libri è al momento un impresa (l'anno scorso hanno chiuso 75 librerie in tutta la città!). Molti mi hanno parlato della possibilità di sfruttare il 20% del locale per somministrazione, e quindi aprire un caffè letterario. L'idea non è nuova ma credo che in questo modo la libreria possa acquisire maggiormente la caratteristica di "centro di aggregazione sociale" tanto utile alle vendite e non solo.
    Non riesco tuttavia a trovare riferimenti legislativi al riguardo.
    Hai qualche consiglio? sai dove posso trovarli?
    Infine la butto lì- secondo te, sarebbe possibile creare una libreria che venda anche ebook? Non parlo dei lettori ma di pacchetti di ebook, selezionati da me per argomenti o temi. Non so è un'idea stramba ma mi chiedevo come poter conciliare l'idea di libreria che tutti abbiamo con le innovazioni tecnologiche che si stanno presentando anno dopo anno.
    Grazie per la pazienza e complimenti per le notizie chiare ed esaustive che finora hai dato a tutti nio.




    RispondiElimina
  39. Be', nelle librerie in cui ho lavorato non c'erano spazi "caffè" (eccetto in una in cui ho prestato servizio solo poche settimane), per cui non posso esserti davvero d'aiuto. Quello che mi viene in mente è un buon commercialista... che probabilmente tirerà in ballo libretti sanitari e così via.
    Gli ebook invece sono già entrati nelle librerie, mondadori e feltrinelli dispongono già di lettori e di titoli da vendere. Ti conviene fare un giro su ultima books, so che offrono la possibilità di aprire negozi di e-books. Il ricarico è basso (10%) ma non hai spese (solo il tuo sito internet se non sai come realizzarlo).
    Ciao ciao,
    Kito.

    RispondiElimina
  40. CIao Kito!Complimenti per il blog, interessantissimo, e per la pazienza che hai nel rispondere a tutti noi aspiranti librai.
    Eccomi ad esporti (in breve) il mio sogno e i miei dubbi:
    Abito in una città di 40000 abitanti, vi è una sola libreria che avrà più o meno 5000 titoli.
    Ho a disposizione un locale di 130 mq e vorrei utilizzarlo per farvi una libreria.
    1)Che ne pensi come base di partenza?Condividi il mio forte ottimismo?
    2)potrei raddoppiare la metratura (e il numero di libri a disposizione) perché il magazzino di fianco di altri 120 mq si fitta a un prezzo ragionevole:potendolo fare, cosa mi consigli?
    3)Quante persone dovrei impiegare nella libreria?
    4)Io non ho mai fatto il libraio, ritieni sia un grosso azzardo?
    5)Vorrei vendere anche cd e dvd. Che ne pensi?
    6)Mi consiglieresti di affiliarmi a Feltrinelli?Pensi sia fattibile?Hai delle indicazioni da darmi da questo punto di vista?
    7)Quali pensi siano i ricavi di una libreria in questa situazione, supponendo una buona gestione?
    8)consigli?
    9) se avessi piacere a contattarti per una consulenza anche al di là del blog come potrei fare?
    Grazie in anticipo!
    Alexandros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) CAUTO ottimismo. Nel senso che, tutto sommato, a livello puramente numerico, una libreria ci potrebbe anche stare. Poi bisogna vedere nel concreto dove si trova il negozio (spero non in una periferia desolata) e che tipo di lettori potrebbero comporre il bacino dei potenziali acquirenti.

      2) Dipende dalla concorrenza e dai soldi che hai a disposizione. Se nel giro di 30 chilometri non ci sono altre valide librerie, potrebbe risultare una spesa superflua. Attenzione al POTREBBE, perchè ogni situazione merita di essere ragionata a sè. Mettiamo che l'affitto in più sia di 2000 € al mese: i libri che hai in più ( e magari il miglior layout) ti consentono di incassare 6000€ in più? Se stimi che sia possibile allora potresti rientrare nelle spese.
      Ah, ricorda: serve magazzino.
      3) due persone ben motivate e disposte ad orari massacranti potrebbero essere il numero giusto (per negozio 130 mq). Altrimenti tre persone che portano avanti un lavoro più o meno normale (ma che, con tutta probailità- ti farebbero mettere un bel - davanti a qualche voce di bilancio). In 300 mq noi lavoriamo in 4, per darti un'idea.
      4) So solo che se all'inizio non ci fossero stati librai più esperti di me a rimediare ai miei errori... me la sarei vista brutta. Dopo tutto è un mestiere. Che ne pensi di quella parolaccia che fa: TIROCINIO NON RETRIBUITO? Almeno qualche mese direi che farebbe bene.

      CONTINUA

      Elimina
    2. 5) 130 mq non so, già non è che ci sia uno spazio enorme per i libri. Buona idea per 250 mq. Ma dal momento che i fornitori vogliono essere pagati... che effetto ti fa se dico 10.000 € in più per i dvd? Da noi funzionano, ma abbiamo un montemerci di 15.000 €, più o meno. I cd... mi stride un po', ma magari sbaglio, dal momento che non ne abbiamo e ne so poco per forza di cose. Lacia perderde quelle cose "di tutto un po' " che non portano a niente. O hai un buon reparto dvd oppure non tenerne affatto.
      6) il franchising costa meno (paghi un ingresso che va all'incirca dai 50.000 ai 100,000€) ed è più sicuro dal momento che poi ti verrebbero fatturati solo i libri che vendi. Di contro, devi venire a patti coi fornitori (vuoi fare una libreria seria? E magari loro ti mandano 100 copie di, che so, "Pippi calze lunghe contro spiderman" che tu devi esporre in bella vista) e il tuo punto vendita deve avere determinate caratteristiche per essere accettato: posizione, metratura, bacino d'utenza e così via. I più validi sono mondadori, gulliver (sempre mondadori) e ubik. Fai un giretto su internet per saperne di più.
      7) Qui si rischia di dare i numeri al lotto, azzardando un ricavo. Meglio che li dia mondadori al posto mio: secondo Monda le loro librerie fatturano 2000 euro l'anno per metro quadro. Ma è un dipende grande come una casa (o come una libreria) a parer mio.
      8) Buona posizione, esperienza con tirocinio, apertura a Ottobre (l'anno lo decidi tu).
      9) marcotoccacieli(chiocciolina)hotmail.it (rispondo, ma spesso passa un po'di tempo prima che torni al pc).
      Ciao ciao,
      Kito

      Elimina
    3. Scusa l'ortografia, accidenti. ;o)

      Elimina
  41. buongiorno, mi interessa quali sono costi per avviare una libreria online, come funzionano e-book, ci vuole magazzino dove tenere libri oppure si possono diretamenete ordinare dal distributore quando qualcuno ci ordina dei libri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', dipende. Di norma si ha un magazzino, ma se abiti a 200 metri da un grossista potresti anche non averne bisogno. Il fatto è questo: se devi ordinare un libro dal fornitore e poi spedirlo a tua volta al cliente, i tempi di consegna si attesterebbero attorno ai 10 gg. Libreriauniversitaria.it spedisce in molto meno tempo. Perchè il cliente dovrebbe acquistare da te? E aspettare di più? Ovviamente la spesa di montemerci dipende da quanto vuoi che il tuo magazzino sia fornito.
      E-book: ti puoi affiliare a ultimabooks che ti lascia un (piccolo) margine attorno al 10%. Ti conviene fare un giretto sul loro sito. A parte il sito di e-commerce e i costi di attività (partita iva, commercialista ecc...) non avresti spese.
      Sia ultimabooks (per ebook) che fastbook (per i libri cartacei) offrono un servizio di file shearing -o come si scrive- con il quale potrai aggiornare la tua libreria on-line.
      Ciao ciao,
      Kito.

      Elimina
  42. Ciao a tutti, la mia idea sarebbe quella di aprire una libreria esclusivamente online (come partenza) e dedicarmi ad un settore specifico (viaggio e turismo, con un'attenzione particolare alla montagna) a 360° In pratica letteratura, saggistica, manuali, mappe escursionistiche... Gli investimenti e le spese dovrebbero essere più contenuti rispetto alla libreria "fisica". Fattibile?
    Grazie per i consigli e le considerazioni e buoni libri
    a tutti!
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fattibile è fattibile. Gli investimenti anche qui dipendono dalla necessità o meno di avere un magazzino (non serve se sei vicino a un grossista). Comunque, per l'idea che hai tu, a livello di montemerci (se non hai quindi la possibilità di lavorare sul venduto e ottenere i libri dal grossista nel giro di mezza giornata) starei sui 20.000-30.000 €. Ti lancio due spunti:
      1- collaborare con un negozio specializzato in sport di montagna che, per una percentuale, ti dia la possibilità di vendere on-line attrezzi, accessori e il vestiario.
      2- spendere qualcosina per un buon sito che parli di montagna, dove c'è del tuo. L'intento dovrebbe essere quello di informare/consigliare (prima) e fidelizzare (poi). Non un semplice e-commerce, ma una guida che EFFETTIVAMENTE porti il cliente all'acquisto mirato per lui.
      Ciauz!

      Elimina
  43. Anch'io come Marco qui sopra pensavo ad una libreria on line specifica per bambini e ragazzi. Fattibile? Con che investimento?
    Grazie!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, come sopra per ciò che riguarda la necessità di avere un magazzino. Se ne avessi bisogno... be', le librerie in cui ho lavorato avevano montemerci specifici bambini e ragazzi che andavano dai 30 ai 50.000 €. Onestamente (posso anche sbagliarmi, dal momento che è un settore che seguo poco) l'idea dell'on-line non mi sembra azzeccatissima. Vedi, questo è il settore più umano, il settore dove il 90% dei clienti non ne capisce mezza ed è costretta a chiedere al libraio. Questo libro è adatto a mia nipote che ha 9 anni? Ma se le dico che è una forte lettrice? Mi consiglia una storia in cui ci sia un lupo? E' fissato coi lupi. Però gli piacciono anche i draghi, basta che non sputino fuoco dalle narici. Vorrei un libro con le illustrazioni, a colori, mi raccomando, e scritto in corsivo...
      Poi, se Marco mi dice montagna ci stà, voglio dire, è un settore mooolto specifico in cui la gente si informa, come ci si informa per una passione. L'acquisto di un libro per ragazzi, invece, avviene perloppiù d'impulso: il bambino vede e mamma compra (ovviamente prima chiede rassicurazioni fino a che vede il libraio stramazzare al suolo). Un appassionato di montagna va su internet per cercare informazioni sul determinato sentiero, o sulla determinata attrezzatura... un bambino no (forse una mamma tecnologica, ma non può devastare il libraio e questo non la rende felice fino in fondo). ;o)
      Meglio, in questo caso e a mio parere, una libreria fisica.

      Elimina
    2. Tu dici? Non so, pare che chi spende maggiormente in rete siano proprio le mamme, in perenne ricerca di ciò che e' meglio per i figli (abbondano forum, blog, ecc...). Magari creando un blog affilato in cui si consigliano libri, creando un rapporto di fiducia con le persone? una libreria fisica nella mia situazione la vedo dura, sia perl'investimento maggiore da fare che per l'abbondante numero di librerie già presenti nella mia città.
      Probabilmente il mio rimarrà per sempre un sogno...
      Grazie per la tua risposta
      Francesca

      Elimina
    3. Ciao Francesca, sei riuscita nella realizzazione del tuo progetto?

      Elimina
  44. Buongiorno Kito,
    grazie innanzitutto per questo prezioso servizio che stai offrendo tramite questo blog a favore di chi come me vorrebbero o stanno per buttarsi in questa affascinante attività. Nel mio caso specifico vivendo in una città di 55.000 abitanti e con la presenza di 3 librerie già impiantate da vari anni,avrei pensato ad una libreria improntata solo sul genere olistico/benessere interiore integrando l'attività con vendita di oggetti e articoli vari quali cd,dvd,incenseria,candele,rune ecc e con l'inserimento di un associazione culturale che riprenda i temi precedenti, fornendo anche consulti e servizi a tema.In sostanza vorrei creare un ambiente dove il lettore volendo può anche venire solo per ascoltare musica,leggersi un libro gratuitamente magari bevendo mate o una tisana, o periodicamente partecipare ad eventi/seminari organizzati all'interno della libreria stessa (che non ho detto sarebbe di circa 60 mq) L'unico mio dubbio nonostante abbia ben chiaro il progetto e come improntarlo riguarda l'impegno economico che dovrei sostenere inizialmente per la fornitura dei testi non conoscendo nè la scontistica nè la tipologia relativa ai resi e approvvigionamenti, dati che nessuna casa editrice potrebbe fornirmi prima ancora di avere aperto l'attività.
    Tu cosa puoi consigliarmi in merito?
    Grazie per tutto.
    Gianfranco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gianfranco, scusa la franchezza, ma ti sconsiglio vivamente di tuffarti in questo progetto. Seppure interessante culturalmente la tua idea non è, a mio avviso (sottolineo a mio avviso), del tutto compatibile con la parola impresa. Il settore a cui fai riferimento è uno di quelli con l'indice di rotazione più basso, il margine concesso dai fornitori potrebbe arrivare al 28% (più realistico considerare un 25%).
      Nelle varie librerie in cui ho lavorato il montemerci di settore andava dai 5 ai 10.000 € e, forse anche per colpa di noi librai (perchè no?), escluso per il natale, non ho mai visto vendite superiori ai 2000 € lordi mensili. Ricavo, a fronte del margine, insufficiente.
      Una libreria del genere potrebbe vivere in una città ben più popolosa.
      Potresti pensare a un'associazione culturale, quello sì.

      Elimina
  45. Grazie Kito, per le dritte e le idee. E per il blog!
    Sono ancora Marco della lib. online per turismo e viaggi.
    In effetti stavo già pensando ad una sito "misto", nel senso che io da pochi mesi sono guida ambientale escursionistica e vorrei provare a fare anche dell'accompagnamento in montagna ma... così come tu dici che di cultura non si campa io ti posso rispondere che anche di natura è difficile campare :) e bisogna ingegnarsi. L'online lascerebbe forse in fase iniziale qualche ora per fare anche altro..
    Comunque nel primo post non ti ho specificato che io sto lavorando da alcuni mesi in una libreria di catena, ma ahimè il contratto volge al termine (sto sostituendo una neo mamma che tornerà a breve...) Però un po' di dinamiche le ho viste e capisco quello che intendi dire nelle tue puntualizzazioni!
    Ad ogni modo ci sto pensando seriamente all'idea imprenditoriale per capire se può stare in piedi.
    Quindi...per ciò che riguarda la parte prettamente libraria dell'idea, per tradurre un volume di merci di 20000-30000 € come mi dicevi, in numero di volumi dovrei prima di tutto calcolarmi un prezzo medio/libro.
    Dimmi se sbaglio: narrativa, a parte le nuove uscite, rimane su una battuta medio bassa (8-10€); mappe 7-8€ l'una; saggistica 16-18€; manuali e guide circa 20€.
    Bene, quello che io non so è come si può dividere mediamente la torta del venduto tra questi articoli, perchè poi è su quello che dovrei organizzare tutto il magazzino. Non è che posso riempirmi di cartine se ne vendo 3 in una settimana...
    Una volta tradotto il contante in un numero di volumi devo tradurre questo in n. di titoli (un coefficiente? o quale criterio utilizzare?) e questo mi serve per capire se è necessario affittare un locale o può andare bene in fase iniziale la mansarda di casa mia ( credo che una volta organizzata dovrebbe ospitare bene 2000-2500 libri e postazione di lavoro, quindi si potrebbe evitare la spesa di un affitto...). Questa cosa lo so fa molto Steve Jobs dei poveri, ma in effetti è proprio di questo che parliamo... di poveri!

    Continua in un altro post..

    RispondiElimina
  46. Proseguo da sopra, per raggiunto limite di caratteri.

    Altro capitolo: profondità di catalogo e prezzi.
    Mi son chiare due cose: primo, online trovi qualunque cosa e, secondo, io stesso mi trovo in libreria a far la guerra con il sito della mia azienda che spesso in rete mi vende lo stesso libro al 15% in meno ed il cliente alla cassa mi chiede anche perchè?
    Come competere dunque con un amazon o un feltrinelli.it? Vorrei sapere cosa ne pensi tu, perchè io la vedo che l'unico modo può essere quello di dare del valore aggiunto al tutto e avere profondità nel catalogo, perchè già i margini sono modesti, se poi ti metti a competere con i big su prezzi, offerte e tempi di consegna, credo ci lasci le penne! Però essendo un settore specifico mi sembrerebbe buona cosa instaurare convenzioni con il Club alpino, piuttosto che associati wwf, slow food o turismo responsabile. Qual'è secondo te una scontistica fissa per queste categorie di clienti, che possa essere affrontabile (5%?)
    Altra cosa: rapporto con i corrieri, questo sconosciuto. Ogni considerazione sarà preziosa!
    Per ultimo vorrei puntualizzare che io in libreria ci sto lavorando ed in effetti il piacere di entrarci, in una libreria è altra cosa rispetto all'asetticità del monitor..
    Io stesso, come molti clienti, so già che uscirò di lì con un libro, comunque vada, perchè ogni volta ne vale la pena.
    Però facendo due conti la vedo veramente dura aprire una libreria nella piazzetta sotto casa, (così come nella grande città): io vivo in una città di 100.000 abitanti e noi abbiamo 5 librerie (di cui 4 di catena). Siamo molti ed lavoriamo tutti pochino ma una catena se vuole tiene aperto il pdv per mantenere la posizione sul mercato e intanto guadagna a Milano, Roma o in rete...e finisce che a chiudere è l'unica libreria storica rimasta...
    Quindi la libreria online mi sembra un compromesso accettabile tra rischi economici, fattibilità del tutto, sostentamento (!!!) e rimanere nel mondo librario.
    Tutto ovviamente potrebbe funzionare, a parole (e sulla carta, dopo aver fatto bene i conti!). Nella realtà...
    Grazie ancora, per la pazienza e la disponibilità!
    :)

    RispondiElimina
  47. La tua libreria (dove lavori ora) è una libreria di varia e, suppongo, di dimensoni medio-grandi. Quindi i valori che trovi sui report non coinciderebbero neanche lontanamente con quelli dell'esercizio che hai in testa. La giacenza di guide turistiche nel negozio feltrinelli sarà ben superiore a quella dei libri sulla montagna o di narrativa di viaggio. Non così, credo (bisognerebbe provare), per la libreria on line specializzata, dove più o meno i sottosettori si equivalgono. Se voglio la guida della corsica perchè sono un turista occasionale entro nella prima libreria o, se non ho fretta, clicco su ibs. Non vado di certo su un piccolo sito specializzato. Se invece voglio informarmi sulla storia di pinco pallino che ha scalato l'everest sui pollici... Magari feltrinelli.it mette due righe striminzite, tu, attraverso un post ben fatto, potresti stimolare l'interesse (e l'acquisto). Anzi, dovrebbe essere proprio lì la tua forza: essere grande dove i grandi sono piccoli.
    Detto ciò, un sito di turismo non farebbe una gran figura se è sfornito della lonely planet di londra. Devi avere l'uno e l'altro. E scontate, le guide che hanno tutti, se vuoi competere. Perchè? Perchè ci sono libri che non vendono (o che non introducono un profitto enorme), ma che servono a vendere il resto del catalogo.
    Continua...

    RispondiElimina
  48. Inoltre molti libri specifici e molte mappe di sentieri sono stampate da piccoli editori (quando non da associazioni) che fanno fatica a trovare visibilità in libreria e che, a mio avviso, sarebbero ben lieti di fornirti il materiale in deposito (che paghi se venduto alla data stabilita per il "richiamo").
    Inizialmente credo che sia sufficiente la mansarda (si può fare? Non lo so).
    Convenzioni direi 10 se non 15%. Che convenzione è se spendo meno da amazon?
    Suddivisione del montemerci: devi mettere in preventivo che si sbaglia, ma poi devi essere bravo ad aggiustare il tiro nei riordini. Non c'è una formula esatta per fare un impianto iniziale, ogni libreria (se non è stard come quelle di catena) avrà una clientela differente. Ovviamente serve buon senso... quel buon senso che dice "non prendere 10 cartine 'Alto e Medio Metauro' e una sola della 'Val pusteria' ". Comunque, a occhio e croce, suddividerei a metà la spesa tra le Guide e il resto.
    Spese di spedizione: per un libro o due direi di utilizzare il piego di libri e addebitare circa 1 € al cliente (costo per te circa 1,70€) e per acquisti maggiori il corriere SDA che credo sia uno dei più economici (senza far pagare spese).
    L'online ha meno rischi, ma di certo un margine più basso: si lavora sulla quantità.
    Buona fortuna! ;o)

    RispondiElimina
  49. Grazie per la cortesia della risposta, e anche per il suo contenuto....la tua pazienza è davvero qualcosa di bello.
    TI tengo aggiornato sugli sviluppi...grazie ancora!
    Alexandros

    RispondiElimina
  50. Salve Kito, ho letto gran parte di questi post e ho notato che la tua conoscenza riguardo alle librerie è davvero "enciclopedica" (tanto per rimanere in argomento)
    Purtroppo ho notato che questo sogno, oltre ad essere un'utopia di molta gente (non pensavo di vedere cosi tanti interessati)è anche veramente dispendioso e poco remunerativo.
    Ovviamente anche io faccio parte della categoria di accaniti lettori (30-40 titoli l'anno) che almeno una volta nella vita ha sognato di mollare un lavoro da dipendente poco apprezzato e mal pagato per andare ad aprire l' "isola felice" ovvero la libreria dei miei sogni (per non parlare dell'idea di diventare uno scrittore, che frulla nella testa di chiunque, ognuno di noi è convinto che basti l'idea vincente, poi davanti a un foglio bianco ha già il famoso "blocco dello scrittore :P ).

    Vivo in un paesino di 10000 abitanti con un bacino di utenza al max di altri 20000 da varie frazioni e luoghi vicini. In questo paesino ci sono già 2 librerie che vendono anche articoli di cartoleria.
    Già questo dovrebbe scoraggiarmi credo.
    La mia disponibilità economica non supera i 15mila, ho una domanda, esistono agevolazioni o contributi regionali per le nuove imprese?
    La partita iva l'ho sempre vista come una spada di damocle che pendeva in agguato al mio primo passo falso, ma mi sembra di capire che se non si hanno entrate non è un grosso costo.
    Ci sarebbe l'affitto del locale, l'arredamento (anche se di recupero in caso).
    Già scrivendo vedo che senza un sostanzioso finanziamento l'impresa è vana.

    Hai qualche consiglio oltre che a lasciar perdere? Magari uno di quei franchising con Mondadori ecc. o la vendita di ebook di cui ho letto sopra?

    Mi rimetto alla tua esperienza e ti ringrazio anticipatamente anche solo per aver letto tutta questa "spappardella" senza capo ne coda.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Yan, onestamente l'utenza non mi sembra gran cosa... e chi concede il franchising richiede un certo numero di potenziali utenti, senza contare che servono almeno 120-150 metri quadri. Il consiglio è uno: non guardare solo sotto casa!

      Elimina
    2. Ah, dimenticavo... A volte la regione mette a disposizione un fondo per imprenditoria giovanile e/o femminile. Prova a dare un'occhiata sul sito per vedere se c'è qualche bando che fa per te. Comunque di solito non si va oltre i 15.000 €

      Elimina
  51. Salve Kito,
    mi chiamo Luca e, insieme ad altri tre amici, vorrei aprire una libreria in franchising (pensavamo a Feltrinelli dato che è assente nell'arco di almeno 150 km) nel centro della città di Bolzano. Ovviamente volevamo sfruttare anche la questione del bilinguismo e offrire volumi anche in tedesco (non solo narrativa). Poi ci sarebbe l'università trilingue che non ha una vera e propria libreria di riferimento. Il tutto su una superficie di circa 200 mq. Il franchising è una buona idea, secondo te? Non è che loro esigono un incasso annuale garantito e che poi ci troviamo solamente a pagare una montagna di debiti per questo motivo?
    Attendo consigli. Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Luca, i tipi del franchising non vogliono un incasso annuale garantito (anche se lo sperano, magari ;O) ), però valutano situazione per situazione... non fanno aprire chiunque e ovunque. Richiedono, per esempio, una metratura non inferiore a 120-150 mq, una posizione di forte transito e un investimento inziale (50-100.000 € circa)... poi il negoziante, mese per mese, si vede fatturare ciò che ha venduto (questo è l'incentivo maggiore). Potresti trovare però difficoltà nel reperimento dei libri in lingua: non so come funzioni il contratto e se ci sia una buona disponibilità.
      Feltrinelli, a meno che non sia cambiato qualcosa di recente, è una catena, non un franchising.
      Buona giornata.

      Elimina
  52. Salve Kito, e salve a tutte le persone che in 2 anni continuano a rendere vivo questo argomento.
    Scrivo per chiedere un parere su un progetto che sto prendendo in considerazione: rilevare una libreria indipendente storica (circa 20 anni) di un paese del sud Italia sul mare che conta 55.000 abitanti.
    La libreria ha sempre organizzato anche eventi culturali ed è proprio su quello che vorrei puntare, oltre alla vendita di libri (circa 19.000 l'anno) e di altri prodotti (dischi, gadget, cartoleria).
    Inoltre è già provvista di piccolo angolo caffetteria che non è mai stato sfruttato adeguatamente. Ha tanto spazio per poter organizzare anche esibizioni live, presentazioni, etc.
    Vorrei avere un parere se ne vale la pena da un punto di vista economico. Attraverso un calcolo approssimativo le spese mensili solo della libreria in media sarebbero di 8000 euro. Si riuscirebbe a ricavarne il giusto per sopportare le spese e ricavarne anche qualcosa per vivere?
    Grazie mille e buon anno a tutti.
    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei avere più dati per rispondere adeguatamente ( n° scontrini, scontrino medio, assortimento ... insomma, dovrei dare un'occhiata alla libreria e all'ubicazione), per cui faccio un calcolo puramente statistico.
      Mediamente un libro viene venduto a 13 euro (ma qui, appunto è statistica pura, e se ad esempio si parlasse di una libreria con un forte accento nel settore arte le cose sarebbero diverse).
      19.000 x 13 = 247.000 € (incasso annuale)
      arrotondiamo a 250.000
      250.000 x 30% (margine medio lbrerie indipendenti) = 75.000 € (margine lordo)
      8000 x 12= 96.000 € (spese annuali)
      guadagno - spese = 21.000 € di perdita all'anno.
      Se sei veramente interessato dovresti chiedere il fatturato reale, come detto quello fatto è un calcolo statistico.
      Grazie a te, alessandro.

      Elimina
  53. Ciao Kito! Ti avviso, prima ancora che tu vada avanti con la lettura, che 1. vorrei aprire una libreria 2. ho un bisogno di un tuo consiglio. 3. sarò un po' prolissa!!
    Ho trovato questo "forum" mentre cercavo in rete notizie riguardo appunto l'apertura di una libreria: che si deve dare, i reali guadagni, i rischi, i sogni e/o disillusioni.
    Sono tornata nella mia città natia dopo 5 anni trascorsi nella capitale e dopo innumerevoli co.co.pro e altrettanti vani tentativi di trovare un lavoro dignitoso che riconoscesse i miei studi universitari (ovviamente umanistici). Sono tornata con l'idea di cercare dei finanziamenti pubblici che potessero sostenermi (né io né la mia famiglia possediamo un capitale per iniziare qualsiasi tipo di attività); sono tornata perché non ho più vent'anni e non posso più aspettare che un lavoro mi piombi dall'alto, o che qualcuno si ricordi di leggere il mio curriculum; sono tornata seguendo il fantomatico motto del "se non ora quando?", in modo che poi tra cento anni non debba avere rimpianti.
    Ma veniamo alla cose concrete: la Regione in cui vivo ha da poco pubblicato un bando che prevede interventi a favore delle piccole imprese commerciali che operano o che vogliono operare nei centri storici dando contributi pari al 70% a fondo perduto dell'investimento previsto. Io ho avuto quindi la brillantissima idea di aprire una libreria nella città vecchia, che sia anche sala da tè o affini. L'iniziativa quindi sarà più appetibile agli occhi della commissione che la vaglierà se possiederà la maggior parte di questi requisiti:
    - intervento realizzato in centro storico
    - impresa a prevalente gestione femminile
    - progetto di e – commerce
    - progetto con diffusione innovazione tecnologica
    - progetto che contribuisce alla tutela dell'ambiente
    Io avevo pensato di farne anche un punto di e-commerce, vendendo on line i libri; oltre che ad organizzare eventi mirati a suscitare interesse per la lettura agli abitanti del centro storico- soprattutto bambini- che è allo sbando socialmente parlando, considerato "pericoloso" sino ad una decina di anni fa.
    Da un anno si è trasferita nell'isola la sede dell'Università, per rivitalizzarlo e per "portare" i cittadini a riscoprire le loro origini, cosa che ha stimolato parecchio la vita culturale del borgo.
    Si è aperto un caffè letterario (ma che in realtà è più un lounge bar, ho contato giusto una decina di libri in tutto sulle mensole) un'enoteca, una copisteria, vari B&B, un'associazione culturale.
    La libreria, come avrai intuito, manca.

    RispondiElimina
  54. [prosegue il post di sopra]
    L'isola (dove risiedono poco più di 4.000 persone) è separata dal resto della città da due ponti, uno a nord ed uno a sud, che conducono a due parti differenti della città (città in cui abitano in totale 202.000 abitanti). Nel quartiere dopo il ponte-nord non esiste una libreria e conta circa 17. 000 abitanti.
    Il quartiere dove conduce l'altro ponte conta circa 25.000 abitanti e rappresenta di fatto il centro urbano della città, il principale polo commerciale; qui sono presenti 3 librerie: una piccola, storica di generazioni, una grande e una della Mondadori.
    In un altro rione della città, non centrale ma nemmeno periferia, si trova un'altra piccola libreria indipendente. L'isola si è sempre ritenuta una parte a sè stante dagli altri quartieri, ora si sta facendo qualcosa per rivitalizzarla (non abbastanza). I turisti ci sono, non tantissimi, ma ci sono. Nell'ipotetica libreria avevo pensato di vendere anche libri che riguardano la storia dell'isola, anche in inglese, e quella della città in generale. Sono laureata in storia dell'arte quindi mi piacerebbe incrementare la presenza dei libri di quest'area, anche tenendo conto che una delle facoltà presenti nell'isola è proprio quella di Conservazione dei Beni Culturali. Potrei fare della libreria un punto di bookcrossing, wifi gratis per chi vuole sedersi e gustare un buon tè sfogliando i libri; anche un punto vendita di e-book.
    Ehm..io avrei finito..e forse so già cosa mi dirai.
    Scusami se mi sono dilungata e, sempre se troverai la pazienza di rispondermi, fallo quando ne hai voglia e tempo.
    Io intanto ti ringrazio, anche solo per le parole che ho letto nei precedenti interventi, mi hanno aperto un mondo di informazioni di cui non ero a conoscenza. Grazie ancora.
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Silvia, la prima considerazione che è necessario annotare è che, non essendo il vero e proprio centro della città e neppure un centro commerciale, non potresti usufruire del franchising... non resta che la libreria indipendente, quindi più libertà ma anche più rischio d'impresa.
      Sarebbe utile capire quanti iscritti alle facoltà ci sono e se nell'isola c'è comunque il "passeggio" (è un quartiere morto o il sabato vedi le signore impellicciate che fanno morire di noia i mariti davanti alle vetrine?). E ancora: esistono spazi idonei per metratura e per visibilità? (non pensare di aprire nel vicolo dietro l'altro vicolo nascosto dal palazzo coperto dall'altro palazzo).
      Se uno va di fretta trova più facilmente parcheggio da te o nelle altre librerie della città? In una parola: gli abitanti degli altri quartieri sono propensi agli spostamenti nella tua zona?
      Concordo sull'editoria locale. Per ciò che riguarda e-book ed e-commerce sono d'accordo, ma in prima battuta devi essere assorbita per intero dalla libreria fisica. Se poi avanza il tempo (ti auguro di no, perchè in una libreria che funziona non avanza mai) puoi pensare ad ampliare l'attività sul digitale.
      Per costi e altro, ti consiglio di dare un'occhiata agli altri commenti.
      Kito.

      Elimina
    2. Ovviamente un contributo a fondo perduto del 70% ha il suo peso... e ne terrei conto. Eccome, se ne terrei conto.

      Elimina
  55. A rieccomi Kito,
    soprattutto per ringraziarti e anche per aggiungere alcune info che avevo omesso. Il borgo antico dove voglio aprire la libreria "purtroppo" non è frequentato dalle signore impellicciate, loro preferiscono passeggiare per le vie del centro aldilà del ponte sud; la mia è una città molto borghese, l'unica forse del meridione dove si tenta in tutti i modi di non parlare il dialetto perché, da sempre, considerato come la lingua dei poveri quindi delinquenti, abitanti per lo più dei quartieri più difficili ed anche e soprattutto dell'isola del borgo antico. I negozi qui ci sono ma ancora troppo pochi e quelli esistenti sono tutto tranne che fashion (piccoli negozi di artigianato alternativo).
    La cosa positiva è che è facile trovare parcheggio e non a pagamento (non contiamo il fenomeno del parcheggiatore abusivo che esiste e persiste sia in città vecchia che in quella nuova). L'isola è popolata soprattutto durante la mattina e il pomeriggio dagli studenti di cui sopra, è sede del Municipio cittadino e di altri uffici del Comune, oltre che dai residenti, dagli acquirenti del mercato del pesce, dai pochi turisti e dagli amanti del posto come me. Un'altra domanda che ti volevo fare è questa: se invece di accollarmi tutte le spese -se non dovessi ottenere gli incentivi della Regione che ti dicevo comunque avrei aperto la partita Iva e preso in affitto un locale come da requisiti per accedere al bando- pensavo di chiedere ai titolari di una libreria grande, sita in un piccolo paese alle porte della città, di farmi gestire una loro succursale nell'isola. In modo così da tentare di smaltire il loro magazzino e aumentare le vendite. Magari poi vediamo in che percentuale dividerci i ricavi. Che dici?
    Grazie ancora dell'eventuale risposta e sappi che se vorrai sparire nel nulla, io capirò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm... Quella del libraio, prima di essere un mestiere è una passione. Perchè dico questo? Ogni situazione è a se, d'accordo, ma piuttosto che azzardare l'apertura in un posto con molti punti interrogativi, mi guarderei attorno, cercherei un luogo con più possibilità. Ora lavoro a 60 Km da casa, quando ho cominciato a 250. E' un mestiere che richiede sacrifici (anche affettivi).
      Riguardo al magazzino: una buona libreria ha un magazzino ridotto all'osso, perchè il magazzino ti porta ad una scorretta esposizione finanziaria. Mi spiego: la merce la paghi, non ha senso tenerla dove non si vende (inoltre paghi le tasse, sul montemerci). Puoi provare a sentire, magari il libraio in questione ha una visione diversa dalla mia... personalmente scapperei a gambe levate. Scusa l'onestà.
      Oh, poi ogni città, ogni situazione, come detto è a sé. Io sto parlando in base alla mia esperienza che si limita al centro e al nord Italia. In bocca al lupo!

      Elimina
  56. Ciao Kito.
    Sto acquistando un bar vicino ad una spiaggia ed ho intenzione di creare un piccolo angolo libri da far consultare ai clienti, ma nel contempo voglio creare una libreria di testi nuovi da poter vendere.
    Occorre una licenza particolare o posso vendere i libri tranquillamente?
    Ti ringrazio.
    Antonluca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che servano licenze particolari. L'unico dubbio è sull'igene (non sono mai stato dietro un bancone): il libro, per quanto uno possa non crederci è un prodotto molto zozzo. Stanno in magazzino a prendere polvere per una vita, vengono spediti in scatoloni lerci...
      Non so se la cosa è compatibile con un'attività di somministrazione. Ovvio se ci sono più addetti, la cosa è facilmente superabile.

      Elimina
  57. Ciao Kito. Sono in procinto di rilevare una Libreria Mondolibri (richiesta: 60.000 €). Ovviamente la grossa incognita riguarda i profitti. Volevo chiederti se hai consigli da darmi per capire meglio la situazione economica, oltre che richiedere i bilanci ed esaminare il registro dei corrispettivi.
    Grazie, Antonio.

    RispondiElimina
  58. Una volta che puoi consultare i bilanci, credo non vi siano più dubbi. Sinceramente mondolibri non è il mio marchio preferito, per come si pone sul mercato. Ma questo è un altro paio di maniche. La titubanza più grande l'avrei pernsando ai 60.000 €, dato che per la stessa cifra, più o meno, ci si fa un gran bel franchising ubik o gulliver da nuovo. Considera che per farci un affare decente dovresti rimettere il debito, attraverso l'utile, in 3-4 anni al massimo. Se hai altri dubbi torna a trovarci.
    Kito.

    RispondiElimina
  59. Ciao Kito. Ho letto con grandissimo interesse il contenuto del tuo forum, anche se con un po' di amarezza, perchè purtroppo ha confermato molti dei dubbi che già mi ronzavano in testa da tempo.
    Insomma che quello che sogno da anni sia,da realizzare, un'impresa tutt'altro che facile.
    Mi chiedevo se tu avessi qualche esperienza riguardo alle librerie dell'usato, anche online.
    Secondo te, di questi tempi, è una strategia che può funzionare?
    Hai qualche dritta da darmi?
    Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
  60. Ciao Imandra, purtroppo non ho mai lavorato sull'usato e posso dirti ben poco. Così, ad occhio, mi sembra funzionino abbastanza. Parlando con un libraio dell'usato ho scoperto che i margini sono piuttosto alti... se non ricordo male mi disse che paga (al cliente) 50 centesimi per un tascabile in buone condizioni, 1€ se il libro è lasciato in deposito (in sostanza paga di più ma solo se lo vende). Considera che poi lo rivende a circa 3 €. Certo, devi fare un sacco di scontrini per stare in piedi, ma l'investimento iniziale non penso sia poi così proibitivo. E sì, indubbiamente vendere on line è quasi un obbligo per le librerie che trattano testi usati (e magari fuori catalogo). Sai cosa facciamo? Visto che abbiamo già parlato delle librerie tradizionali e di quelle digitali, vedrò, appena mi libero da tutti gli impegni, di intervistare anche una libraio specializzato in volumi usati per capirci qualcosa di più. Per ora ti consiglio di dare una sbirciatina a due post che trovi alla pagina editoria: una giornata da libraio (che credo sia valido per tutte le librerie fisiche) e il cacciatore di libri. Un salutissimo e a presto, Kito.

    RispondiElimina
  61. Grazie mille, controllerò il blog per vedere se sei riuscito a saperne di più. Intanto ti ringrazio di cuore, a presto!

    RispondiElimina
  62. Ciao Kito, volevo avere un tuo parere. Io e una mia carissima amica abbiamo buttato giù un progetto per aprire una libreria per ragazzi da 0 a 16 anni di circa 40 mq con all'interno doposcuola, laboratori e progetti di filosofia per bambini. Volevo sapere se è possibile avere dei libri in conto vendita anche se saremo una libreria indipendente..
    Grazie per i tuoi utili consigli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse riuscirete ad avere dei libri in deposito dai piccoli editori, i quali hanno tutto l'interesse di ottenere visibilità... sia pure in una piccola libreria indipendente. Tieni conto che nel settore ragazzi la scelta del cliente non cade (quasi) esclusivamente, come per altri settori, sui soliti noti (Rizzoli, Mondadori, ecc...). Editori come La Margherita o Babalibri possono ritagliarsi una buona fetta di mercato, se li saprete proporre. La cosa è più difficile (avere dei titoli in deposito, intendo) se pensi a editori come EL, Emme, Rizzoli, Dami, Giunti, Einaudi Ragazzi e compagnia bella. Che dovrete comunque avere. Detto questo, quando chiamerai il fornitore (suppongo un grossista) dall'altra parte della cornetta troverai una persona, e con le persone a volte si riesce a stringere accordi... male che vada vi dice di no. Io ci provo sempre e comunque, senza pretendere la luna, e di tanto in tanto mi va bene ;0)
      Grazie a te, e se hai dubbi sai dove trovarmi.
      K

      Elimina
  63. Salve a tutti! Ma..... Ho un'idea: non so se è stupida o geniale, ma io ve la espongo!
    Che ne pensate di una libreria dove ci sono solo "postazioni E-book" (fissati ai tavoli così da non poter essere sottratti) e il cliente-lettore entra e paga (o a tempo, o non so) per leggere ciò che vuole? Piccoli spazi, nessun magazzino, eventuali ordinazioni in caso di richiesta del libro in versione cartacea!
    Vi prego, ditemi se sparlo o se può essere una buona idea! ;)

    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, tempo fa parlai con un tizio di una ditta specializzata nella distribuzione di e-book. Lui vedeva la tua idea come un passo naturale che le librerie tradizionali dovrebbero compiere... io, da parte mia, sarei un po' più cauto (ma sono un polveroso libraio tradizionale :o) ). Il fatto è che l'ebook in italia rappresenta oggi meno dell'1% del fatturato e, al momento, credo non sia conveniente dedicargli anche solo il 20% dello spazio della libreria, spazio tra l'altro già ingombro delle troppe pubblicazioni. Se si parla di una libreria unicamente digitale... starei cauto lo stesso, o quanto meno riserverei questo passo al giorno in cui avrò la sicurezza di poter pagare un affitto con le sole vendite e starci dentro. E poi diciamolo, uno dei motivi che più mi invoglia ad aprire una libreria digitale è proprio il fatto di poter lavorare da casa, senza vincoli di orario e senza spese. Però questi sono punti di vista. E poi sì, piccoli spazi, ma in grandi e carissime città.
      Un sorriso,
      Kito.

      Elimina
  64. Ciao Kito.
    Ti espongo la mia idea.
    Cittadina di 55000 abitanti.
    Conservatorio a 20 metri.
    L'idea è quella di aprire una libreria musicale di spartiti e partiture.
    Tieni presente che non esiste nessun negozio simile in provincia e che la mia provincia ha ben 2 conservatori statali.
    io ho studiato pianoforte e direzione di coro quindi non sono proprio uno sprovveduto della materia.
    il negozio è un negozietto (una stanza)in affitto in centro storico e attaccata al conservatorio.
    magari ci aggiungo la vendita di qualche disco particolare e sempre del settore.
    è un'idea balzana? c'è un margine di guadagno oppure è un investimento che può permettersi un baritono ritiratosi dall'attività?
    attendo tue e ti saluto.
    Marco A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco. Non so dire se la cosa merita attenzione oppure no, ti espongo solo qualche dato. Ho lavorato in una città di 120.000 abitanti con un conservatorio importante, distante 200 metri dalla libreria. Il reparto musica rappresentava il 2% del fatturato (una pizza la settimana). E' anche vero che, al contrario di te, mi fermo a quattro note con un basso elettrico scordato. C'è da aggiungere che proprio a fianco il conservatorio sorgeva un piccolo negozio con partiture, libretti d'opera, chitarre, strumentini e qualche disco. E' ancora aperto, ma le mura sono sempre più scrostate.
      Insomma, magari ci si campa (non so), ma dev'essere dura da morire.
      Un saluto,
      k.

      Elimina
  65. grazie Kito.
    sei un garnde!
    Marco A.

    RispondiElimina
  66. volevo scrivere SEI UN GRANDE!
    maledetta tastiera...o meglio, maledette dita fonfe!
    Un caro saluto
    Marco A.

    RispondiElimina
  67. Ciao, anche da parte mia arrivano grandi complimenti per la tua competenza, disponibilità e affabilità. Hai già parlato del bacino di utenza che sarebbe necessario per aprire una libreria ma non ho trovato casi simili a quello a cui sto pensando. Paesello di quasi 7000 abitanti in cui per un periodo hanno convissuto due piccole librerie, ora entrambe chiuse (l'ultima pochi mesi fa, probabilmente per la posizione infelice in cui si trovava e perché aveva prodotti un po' troppo di nicchia), quindi una piccola libreria mancherebbe proprio. Il paese è attivo culturalmente, ci sono molte manifestazioni nel corso dell'anno che attirano turisti.. sinceramente non so quale potrebbe essere il bacino d'utenza con i paesi limitrofi, non so se si raggiungono i 20.000 abitanti, ma le librerie più vicine per ora si trovano a circa 15/20 km. Al di là di tutte le considerazioni fatte nei post precedenti, a tuo parere il fatto che stia per aprire a 5 km un grandissimo centro commerciale nel quale aprirà una grande libreria Giunti è un fattore molto negativo? Io pensavo all'indotto che arriva nel paese proprio durante le manifestazioni. Opterei per affiancare articoli di cartoleria e magari, se possibile, articoli da regalo sul genere. I franchising quanto richiedono minimo come bacino d'utenza?
    Grazie mille! ciao.

    RispondiElimina
  68. Cara Duda,
    non lo so se può funzionare, so solo che mi si rizzerebbero i peli come a un gatto in uno stagno a pensare di aprire con un bacino di utenza ridotto e con una giunti a 5 km. Poi, il discorso cambia se mi dici che sei sul Lago di Garda o in un paesino sul mare e che conti di fare l'80% del fatturato con i turisti.
    Di solito i franchising richiedono un bacino d'utenza attorno alle 40.000 persone (poi ho anche visto una mondadori a Bastia Umbra - che non dovrebbe superare i 20.000 abitanti - e in altri paesi anche più piccoli: dall'altra parte ci sono persone con cui "trattare").
    Grazie per i complimenti,
    K.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so, purtroppo è e resterà un sogno.
      ps ho letto AL BUON ROMANZO e l'ho trovato davvero utile, grazie per i consigli.

      Elimina
  69. Ciao, avrei la possibilità di rilevare una libreria molto piccola che si occupa principalmente di libri usati e libri scolastici. Si trova in pieno centro storico cittadino (un capoluogo di provincia del nord), in una zona con una concentrazione molto alta di librerie di tutti i tipi.
    La spesa iniziale è affrontabile, ma ci sarà poi l’affitto mensile ed il fantasma dei libri di testo cartacei in via di estinzione… (Sto pensando anche ad una vetrina on-line con il catalogo sempre aggiornato e la possibilità di verificare se il libro che interessa è presente o meno…) Vi sembra una follia?, commenti, suggerimenti e consigli sono ben accetti!

    RispondiElimina
  70. Be', ogni situazione ha le sue peculiarità. Per gli e-book non fasciarti la testa: siamo ancora mooolto in ritardo. Non credo che ricoprano l'1% del mercato italiano.

    RispondiElimina
  71. Ciao Marco, se posso approfittare della tua impareggiabile esperienza, vorrei un incoraggiamento (e dico intenzionalmente "incoraggiamento") in merito ad una mia idea di "piccola libreria" intesa più che altro come centro di divulgazione della passione per la lettura alla portata di tutte le tasche...o quasi: parlo di libreria con annessa sala lettura, con possibilità di tesseramento a costi accessibili, per consentire la lettura
    un certo numero di libri e fidelizzare il lettore con questa ed altre soluzioni legate all'acquisto periodico di alcuni libri. Ci terrei a sapere se l'idea ti sembra valida, anche se ho dovuto riassumerla, forse un pò banalmente, in poche righe, per ragioni di tempo. Grazie per la tua attenzione, attendo con ansia il tuo commento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Titti,
      perdonami, ma forse non ho capito bene cosa intendi. Una sorta di libreria-biblioteca nella quale il lettore può comperare o prendere a prestito dei libri? La cosa non sarebbe male, ma come detto poco fa, ogni situazione è a sé. Non ti nascondo qualche perplessità (ma forse sono io che oggi non sono in gran forma)... ad esempio: il lettore può leggere libri dentro il negozio? In questo caso devi sapere che il 90% delle librerie lo permette già. Può portare anche i volumi a casa? Ma se il volume è già usato perderebbe gran parte del suo valore economico.
      Sono a tua disposizione per approfondire l'argomento, che reputo interessante. In ogni caso... ricordati sempre che prima di "centro di divulgazione culturale" una libreria è un'impresa.
      Altrimenti non sarebbe una libreria, appunto, ma un'associazione culturale.
      Incoraggiare? Certamente. Le persone non dovrebbero vivere facendo ciò che non piace loro, ma serve un progetto chiaro e realizzabile. Tutto si può fare, ma il dove e il come sono elementi tanto variabili quanto importanti.
      Un sorriso,
      M.

      Elimina
  72. Ottenere un prestito oggi a basso tasso di applicare ora i prestiti sono dati ad un tasso del 3 % si applica ora questo può aumentare il vostro business per una maggiore altezza . Stiamo offrendo prestiti a imprese e persone personali , se avete bisogno di un prestito per avviare un'attività imprenditoriale o di prestito per pagare le bollette di contattarci via (georgeanderson.loanfirm255@gmail.com) e ottenere un prestito dalla nostra azienda ... rendo i migliori servizi di prestito .

    offerta di prestito

    RispondiElimina
  73. la morale è lasciar stare purtroppo :(

    RispondiElimina
  74. Ciao Kito e grazie per le moltissime informazioni. La mia idea sarebbe aprire una libreria dedicata a mente - corpo - spirito con particolare orientamento al segmento spiritualità/esoterismo/new age quindi una libreria specializzata. Il bacino di riferimento è 15.000 abitanti. Il locale che cerco dovrebbe avere annessa anche uno spazio per eventi e conferenze. Pensi sia fattibile? GRAZIE

    RispondiElimina
  75. ciao!ti ho trovato digitando "come aprire una libreria" ed eccoti qui....io ho un progetto per il prossimo futuro, aprire una pasticceria, con un piccolo angolo "lettura" e anche vendita libri, specializzata in ricettari e libri di cucina...secondo te è una cosa fattibile?anche se i guadagni non saranno alti...chi dovrei contattare?se invece decidessi di avere solo 5-6 editori, potrei chiedere direttamente a loro o devo comunque rifornirmi da un rivenditore?grazie mille!!!Giusy

    RispondiElimina
  76. Salve a tutti...blog davvero molto interessante.
    Anche io, non so se purtroppo o per fortuna, stavo pensando di aprire una piccola libreria nella città in cui vivo. Gli abitanti sono circa 50000 e ci sono già alcune librerie in franchising... la mia idea però era quella di aprire una libreria specializzata in viaggi e sport ed affiancare altri servizi e casomai collaborare con le numerose agenzie di viaggio che ci sono.
    non sono mai riuscita a trovare lavoro in una libreria per potermi fare un'idea, quindi parto da zero mi piacerebbe avere qualche consiglio e informazione sui guadagni...premesso che non voglio certo arricchirmi ma solo fare un lavoro che mi piace. Che ne pensate??? Grazie Marialaura

    RispondiElimina
  77. Buongiorno, io vi propongo la mia licenza con relativo fondo. Cedo una cartolibreria in Liguria, a Levanto. Località turistica unica in zona. Ideale sarebbe per due persone!

    RispondiElimina
  78. Avete bisogno di un prestito? se si applica per un prestito con basso tasso di interesse al 3 % , contattare indietro via Email :georgeanderson.loanfirm255@gmail.com

    RispondiElimina
  79. Ciao a tutti ^^
    Vorrei sapere se qualcuno ha mai avuto a che fare con la compravendita di libri usati (scolastici e non). Il mio progetto è di ampio respiro quindi vorrei partire con qualcosa che mi permetta di osservare con discrezione la realtà territoriale in cui mi andrei a inserire.
    Avete consigli?

    Grazie
    Manuela

    RispondiElimina
  80. Ciao a tutti oggi sono molto felice ho appena ricevuto il mio prestito da un uomo timorato di Dio marchio Mr.vipo quando tutta la mia speranza era perduta che non potrò mai ottenere più di un prestito perché sono stato truffati da molti istituti di credito, ma ho appena incoraggiare la mia auto e prendere un passo coraggioso e applicare con questo istituto di credito, ma molto felice di poter dire oggi che ho appena ricevuto il mio prestito di 100,000,00 DOLLARI io vi consiglio a tutti voi Ha bisogno di un prestito per semplicemente in contatto con lui per la sua e-mail: VIPOMARK@OUTLOOK.COM e ottenere il vostro prestito oggi hanno una bella giornata a tutti voi ...

    RispondiElimina
  81. Avete bisogno di un prestito? Sei in crisi finanziaria? Se hai bisogno di aiuto sul servizio finanziario su come ottenere un prestito. Prenota appuntamenti importo del prestito che vanno da $ 5.000 a $ 5,000000.00 con il tasso di interes del 3% è sufficiente contattarci all'indirizzo SGR marketing tramite la nostra email; Email: sgrmarketers@gmail.com e il nostro sito web: www.sgr.gnbo.com.ng

    RispondiElimina
  82. OFFERTA SPECIALE DI PRESTITI DI DENARO DI FINE D'ANNO


    Avevate necessità di denaro tra privati per affrontare le difficoltà finanziarie ed anche passare le feste in bellezza tra famiglia o in società dei vostri amici; più preoccupazioni da farvi.
    Sono un privato specializzato finanziario capace di assegnarvi denaro all'importo di cui voi avete bisogno e le cui condizioni vi faciliteranno la vie.mes offerte di denaro sono realizzati per tutti i tipi di domini.
    Gli importi variano tra 4.500€ a 2.000.000€ per un tasso d'interessi del 2% l'anno.
    PS: La particolarità di quest'offerta di denaro è che tutti coloro che faranno domande di prestito abbastanza importanti per le feste, avranno una riduzione del 5% sugli interessi.


    latifahabdalah@consultant.com

    RispondiElimina
  83. Salve a tutti. Sto valutando l'apertura di una libreria in franchising con un marchio consolidato (Ubik o Mondadori). Dispongo di un capitale iniziale di 65.000 e mi chiedevo se fossero sufficienti per colmare tutte le spese per partire con una libreria di 150 mt quadrati in un centro storico o commerciale. Ho visto che tra le richieste dell franchisor vi è sempre la fideiussione bancaria, solo che non ho ancora ben compreso come funzioni, se devo impegnare ulteriori soldi oltre ai 50.000 che già possiedo, etc. Grazie in anticipo a tutti.

    RispondiElimina
  84. Ciao, mi aggiungo all'infinita lista degli aspiranti librai. La mia situazione è la seguente: dispongo di un locale di proprietà, intorno ai 100 mq, ben posizionato in centro storico di cittadina medievale. Il problema è che il turismo qui non tira molto, almeno per il momento. L'alternativa è cedere tale locale per acquistarne un altro in zona commerciale. In ogni caso, diciamo che il discorso "mura" non è un costo ma piuttosto la rinuncia ad una piccolissima rendita.
    Il paese conta circa 22.000 abitanti, circondato da paesi di dimensioni simili, tutti privi di libreria. Le prime librerie si trovano a circa 30 chilometri. Il bacino potenziale è di circa 50.000 abitanti (ma i lettori credo siano molti di meno). Preferirei aprire in franchising, ma non è un must. Cosa mi scoraggia? Evidentemente le esperienze negative di chi mi ha preceduto oltre al fatto che ci sono stati un paio di tentativi di aperture in paese ma nessuna di successo.
    Qualche consiglio/considerazione aggiuntiva?
    Grazie
    Gianni

    RispondiElimina
  85. Avete bisogno di prestito? Se sì, si prega di tornare a noi via e-mail; excelservices.managementonline@gmail.com

    RispondiElimina
  86. Ad oggi, lo sconto praticato alle librerie da parte di editori e distributori oscilla tra il 35% e il 45%, attestandosi mediamente sul 40%. Percentuali di sconto superiori o inferiori difficilmente risultano sostenibili da entrambe le parti. Altro elemento di grandissima rilevanza per la sopravvivenza nel mercato è rappresentato dall'insoluto sul venduto da parte delle librerie che va a gravare quasi esclusivamente sull'editore.

    RispondiElimina
  87. Diamo fuori di prestito a cui mai che ha bisogno di un prestito a basso tasso di interesse del 2% .Siamo dare fuori di prestito dal minimo di 5,000.00euro al massimo 100 milioni di dollari, sterline, euro. Se interessati, Seli metta in contatto via e-mail: jamescarrloanfirm1@gmail.com

    RispondiElimina
  88. Ciao, hai bisogno di un prestito? Se sì contattarci via e-mail: (georgeanderson.loanfirm255@gmail.com)

    RispondiElimina
  89. Ciao,

    Invia una sintesi del prestito è necessario. LIVING STONE LOAN INVESTMENT è specializzata nella fornitura di prestiti dalla gamma di {euro500 a euro10,000,000.00} al 3% tasso di interesse nostri prestiti sono ben assicurato e la massima sicurezza è la nostra priorità, Living Stone prestito di investimento è un britannico legittimo e ben noto approvato prestito prestito azienda Offriamo prestiti ai privati ​​e le organizzazioni che hanno intenzioni di case e istituzioni, ristrutturazione di consolidamento del debito, rifinanziamento e anche creazione di imprese


    * Si sono schiacciati finanziariamente?
    * Sei cercate fondi per pagare i crediti e debiti
    * Vuoi cercare finanziamenti per impostare la propria attività?
    * Avete bisogno di prestiti privati ​​o commerciali per vari scopi?
    * Ti ricorrere a prestiti per realizzare grandi progetti
    * Sei tu cerchi finanziamenti per vari altri processi?

    Offriamo i seguenti tipi di prestiti:
    * Prestiti commerciali.
    * prestiti personali.
    * Business Prestiti.
    * Investimenti Prestiti.
    * Prestiti Development.
    * Acquisizione Prestiti.
    * Crediti di costruzione.
    * Prestiti commerciali e molti di più:

    Se siete interessati a ottenere un prestito formano la nostra azienda gentilmente tornare a noi con questa email address{livingstoneloaninvestment@gmail.com)
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  90. Avete bisogno di prestito per avviare un'impresa? Sto l'amministratore delegato di George società, offriamo tutti i tipi di prestito, prestito società, prestito personale, prestito studente, e prestito di affari, se siete interessati a questo prestito avete a contattarci via email via email :: :(georgeanderson.loanfirm255@gmail.com).

    RispondiElimina
  91. Ciao.
    Ho letto il tuo blog con grande interesse, sia perché amo i libri sia perché, dopo anni passati a fare lavoretti sottopagati e per nulla gratificanti, io e il mio compagno stiamo pensando seriamente di aprire una cartolibreria.
    Abbiamo trovato un locale di circa 50 mq. in una strada di forte passaggio pedonale e veicolare in una cittadina di oltre 50.000 abitanti.
    Vorremmo iniziare come cartoleria e libreria scolastica, visto che in città ci sono 5 istituti comprensivi elementari-medie, tutte le scuole superiori e un polo universitario, per poi (se ci va bene) ingrandirci.
    L'idea è di inserire anche articoli x ufficio e informatica, fotocopie, fax, servizio stampa...
    Insomma, una cartolibreria multiservizi.
    Questo progetto ci farebbe fare (almeno x un po') un lavoro in un ambiente che ci piace, ma...
    ...mi chiedo.... c'è davvero il rischio di non prenderci neanche uno stipendio al mese?
    Grazie x i consigli!!!

    RispondiElimina
  92. Buon giorno, sono registrato un usuraio privato. Diamo i prestiti a favore delle persone, le imprese che hanno bisogno di aggiornare il proprio stato finanziario in tutto il mondo, con molto minimale tassi di interesse annuali a partire da 3% in un anno a 30 anni un periodo di ammortamento della durata di ogni parte del mondo. Diamo i prestiti all'interno della gamma di 5000 € a € 100.000.000. I nostri prestiti sono assicurati, per la massima sicurezza è la nostra priorità. Persona interessata dovrebbe contattarci via e-mail: jackwarmerloanlender@gmail.com

    RispondiElimina

  93. PROVA DI Andreea

    Sono felice oggi grazie al sig. PATRICO io hanno ricevuto un prestito di 80.000 euro e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti in questo signore senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro uno solo indirizzo: patricovaldez6@gmail.com

    RispondiElimina
  94. Avete bisogno di un prestito personale o aziendale, senza stress e rapida approvazione? Avete bisogno di un prestito urgente oggi? Contattaci via e-mail: (georgeanderson.loanfirm255@gmail.com)

    rapida offerta di prestito

    RispondiElimina
  95. Ciao A Tutti,

    Io sono la signora Susan Famish, Le scrivo questa lettera perché sono molto grato per quello che la signora Clara Morgan ha fatto per me e la mia famiglia, quando ho pensato che non c'era speranza è venuta e rendere la mia famiglia sentire di nuovo vivo da noi leader prestito di scarso interesse tasso del 3% non avrei mai pensato che ci sono ancora finanziatori prestito genuini in Internet ma con mia grande sorpresa ho ottenuto il mio prestito senza perdere molto tempo, quindi se siete là fuori alla ricerca di un prestito per alcuni motivi finanziari a tutti allora lo farò consigli di e-mail la signora Clara Morgan in VIA: {clara_morgan@outlook.com} per maggiori informazioni circa questa transazione

    VI AUGURO TUTTO IL MEGLIO

    Cordiali Saluti
    La signora Mrs Susan Famish

    RispondiElimina
  96. Paola

    Per me il prestito tra privato non è mai esistito. Ma a forza di intendere parlare di alcuni prestatori che mi sembravano seri sui forum e blog la mia scelta mi sono diretto verso Tinos Boeck di cui molto parla e dopo averlo contattato, ne hanno fatto uscire la testa alta poiché mi ha conceduto senza preoccupazioni un prestito di 50.000€ io vi consiglia di fare la buona scelta per non cadere sui falsi del netto. Grazie a tutti coloro che dimostrano lui; è un riferimento. potete senza timore contattarlo sul suo e mail:tinostinel@gmail.com

    RispondiElimina
  97. Offre prestiti e finanziamenti
    Ciao Avevi bisogno di prestiti di denaro tra individui di far fronte alle difficoltà finanziarie di rompere definitivamente la situazione di stallo che le banche causa, dal rifiuto dei file dell'applicazione di credito? Sono un singoli esperti finanziari in grado di fare un prestito per un importo hai bisogno e con le condizioni che rendono la vita più facile. Qui ci sono le aree in cui ti posso aiutare: * finanziari * Home Loan * Prestito di investimento * Auto Prestito * Consolidamento del debito * Linea di credito * Seconda ipoteca * Rimborso di credito * Prestito personale Siete sul file e si vietato banca non favoriscono le banche o è meglio avere un progetto e hanno bisogno di finanziamenti, credito cattivo o bisogno di soldi per pagare le bollette, di investire fondi per affari. Quindi, se avete bisogno di prestito di denaro non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni sulle mie condizioni molto favorevoli. E-mail: allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  98. Prestito di emergenza
    Offerta di prestito finanziario da Mr & Mrs particolare Svizzera, Canada, Portogallo, Spagna, Italia, Argentina, Belgio o in francese Avevi bisogno di prestiti di denaro tra individui di far fronte alle difficoltà finanziarie di rompere definitivamente la situazione di stallo che causano il le banche, dal rifiuto dei file dell'applicazione di credito di un Siamo esperti internazionali finanziari in grado di fare un prestito per un importo hai bisogno e con le condizioni che rendono la vita più facile. Possiamo aiutarvi nelle seguenti aree: finanziaria, Mutui, prestito di investimento, prestito auto, consolidamento del debito, Linea di credito, seconda ipoteca, prestito personale Credit Refinance Siete su file, e la banca vietato non si ha il favore delle banche.Email: allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  99. Prestito offerta
    Offerta di prestito finanziario da Mr & Mrs particolare Svizzera, Canada, Portogallo, Spagna, Italia, Argentina, Belgio o in francese Avevi bisogno di prestiti di denaro tra individui di far fronte alle difficoltà finanziarie di rompere definitivamente la situazione di stallo che causano il le banche, dal rifiuto dei file dell'applicazione di credito di un Siamo esperti internazionali finanziari in grado di fare un prestito per un importo hai bisogno e con le condizioni che rendono la vita più facile. Possiamo aiutarvi nelle seguenti aree: finanziaria, Mutui, Prestiti investimento, prestito auto, consolidamento del debito, linea di credito.Email: allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  100. Prestito finanziamento
    Mr / Mrs individui onesti principi di buona condotta, che, purtroppo, essere rifiutato credito a vista per le banche, nessuna preoccupazione, siamo a vostra disposizione una offerta di prestito tra particolare molto interessante per aiutarvi nella vostra situazione finanziaria e ampliare la tua attività, diamo credito a tutte le persone serie in grado di soddisfare il periodo di rimborso. Mi offrono prestiti di € 20.000 a 12.000.000.00 € tassi di interesse a breve ea lungo termine e un massimo desiderato rimborsabile in un periodo di 30 anni. Per maggiori informazioni contattatemi all'indirizzo e-mail : allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  101. Ottenere un prestito
    Siamo individui che offrono prestiti tra persone che hanno bisogno serio per le piccole imprese, investimenti personali solo per interesse del 2%. Faccio prestiti internazionali per persone in tutto il mondo, con una affidabilità innegabile. Contattami oggi e fammi sapere la quantità di denaro che si desidera prestare. Sono pronto a soddisfare i clienti entro 72 ore dal ricevimento della richiesta formulata per maggiori informazioni si prega di contattarmi tramite il mio indirizzo e-mailemail : allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  102. Offerta di finanziamento di prestito affidabile
    Ciao Sir Siamo azionisti caso francese in azioni con molto pre Banca diversi, attivo, serio, onesto e solvente, ho letto il tuo annuncio in rete, e mi ha permesso di scrivere a voi per chiedere un prestito 80. € 000 che ho usato per pagare un prestito bancario che ho fatto per l'acquisto di una casa + commerciale e devo sviluppare al fine di creare posti di lavoro, mi ritrovo intrappolato nel debito, sono in libero scambio che mi aiuta a essere credibile, sono d'accordo con qualsiasi tasso di interesse nei confronti non pago alcuna commissione prima che la chiave del prestito (in caso di accordo), j 'sperando in una risposta favorevole da voi se questo è il caso, vi prego di contattarmi attraverso il sito, grazie.
    Email: allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  103. Prestito offerta speciale tra privati
    Ciao
    Ricevi un prestito legittimo sono sempre stati un grosso problema per il cliente le esigenze finanziarie. La questione del credito e la sicurezza è qualcosa che i clienti sono sempre più preoccupati per la ricerca di un prestito da un prestatore legittimo. Il tasso di interesse per il mio prestito è del 3% e l'importo minimo che io do a prestito è di 2000 per cui l'importo massimo è di 10.000.000,00. Se siete interessati a ottenere assistenza finanziaria, in contatto con me oggi: allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  104. Prestito offerta
    Offerta di prestito finanziario da Mr & Mrs particolare Svizzera, Canada, Portogallo, Spagna, Italia, Argentina, Belgio o in francese Avevi bisogno di prestiti di denaro tra individui di far fronte alle difficoltà finanziarie di rompere definitivamente la situazione di stallo che causano il le banche, dal rifiuto dei file dell'applicazione di credito di un Siamo esperti internazionali finanziari in grado di fare un prestito per un importo hai bisogno e con le condizioni che rendono la vita più facile. Possiamo aiutarvi nelle seguenti aree: finanziaria, Mutui, Prestiti investimento, prestito auto, consolidamento del debito, linea di credito.Email: allessandromanca@hotmail.com

    RispondiElimina
  105. Offerta di prestito sicuro
    Buona sera signora / signor tra individui Prestito offerta esiste davvero, perché se ho trovato un sorriso dopo diversi cartella stampa alla Banca, ho conosciuto attraverso l'aiuto di un amico, un uomo meraviglioso per me concesso un prestito di 80.000 € senza complicazioni. E riconoscendo che sto facendo questa prova aumentare la sua base di clienti e anche per aiutare chi ha problemi finanziari. Quindi voi che siete bancario divieti, è che hanno bisogno di finanziamenti per le vostre preoccupazioni personali, non c'è bisogno di preoccuparsi. Basta contattare il Sig Armel Dura .Il suo indirizzo e-mail è: johnydecoster@gmail.com quindi si prega di contattare via e-mail: johnydecoster@gmail.com Invia questo messaggio ai vostri cari e amici che sono nel bisogno. Buona fortuna.

    RispondiElimina
  106. offerta speciale di prestito di fine d'anno


    Avevate necessità di denaro tra privati per affrontare le difficoltà finanziarie ed anche passare le feste in bellezza tra famiglia o in società dei vostri amici; più preoccupazioni da farvi.
    Sono un privato specializzato finanziario capace di assegnarvi denaro all'importo di cui voi avete bisogno e le cui condizioni vi faciliteranno la vita. le mie offerte di denaro sono realizzate per tutti i tipi di domini.
    Gli importi variano tra 4.500€ a 2.000.000€ per un tasso d'interessi del 2% l'anno.
    PS: La particolarità di quest'offerta di denaro è che tutti coloro che faranno domande di prestito abbastanza importanti per le feste, avranno una riduzione del 5% sugli interessi.


    latifahabdalah@consultant.com

    RispondiElimina
  107. Alla vostra attenzione signora e signore;


    Siete persone serie ed onesto, aventi bisogno di un prestito serio e duraturo per necessità:
    * Finanziere
    * Prestito immobiliare
    * Prestito all'investimento
    * Prestito automobile
    * Debito di consolidamento
    * Margine di credito
    * Seconda ipoteca
    * Riacquisto di credito
    * Prestito personale


    Siete schedati, divieti bancari e non avete il favore delle banche o meglio avete un progetto
    e necessità di finanziamento, una cattiva cartella di credito o necessità di denaro per pagare fatture, fondo a
    investire sulle imprese.


    Più preoccupazioni, poiché siete in buone mani;
    Volete appena lo contattate e sarete soddisfatti.


    NB: Ogni transazione finanziaria deve essere seguita da uomini giuridici
    chi stabiliscono dei documenti legali che richiedono spese da pagare in anticipo.


    Grazie.

    cosimi_daniela@yahoo.it

    RispondiElimina
  108. Buongiorno, i veri esseri umani sono coloro che sanno venire in aiuto ai loro simili quando soffrono. Quest'uomo mi ha fatto un prestito di 80.000€ senza il tutto complicarmi la macchia al livello dei documenti che chiedono le banche in occasione delle domande di prestito. Se siete in un fabbisogno finanziario, grazia ha io gli ho oggi il mercato eccellente dell'angolo, è stato il mio risparmiatore e realmente non so che fargli è per questo che ho deciso oggi di testimoniare nel suo favore voi potete contattarlo per mail e seguire le sue direttive e sarete soddisfatti nelle 48 massimo. Ve lo confermo e fin da questo momento se succedesse che abbiate necessità di un prestito volete prendere contatto con lui. Dunque voi che siete nella necessità poiché io potete scriverle e spiegarle la vostra situazione potrebbe aiutarvi la sua mail: franckleroux878@gmail.com

    RispondiElimina
  109. Ciao richiedente

    I miei nomi sono il signor Phil Howardson, e io sono il proprietario della ditta conosciuta come Phil Howardson prestito Firm. II voglio solo farvi sapere che io do i prestiti da 1.000,00 euro a un importo massimo di 10.000.000,00 euro, con un basso tasso di interesse del 3%.

    Siamo persone con personaggi buoni e con un buon cuore perché siamo ordinati per aiutare i poveri con le loro esigenze, in modo che è esattamente ciò che stiamo facendo. Caro candidato, se si prende un prestito da noi, voi non ve ne pentirete perché noi siamo reali e legittime e non comportano in qualsiasi tipo di attività truffa. Il nostro inglese è molto chiaro, i nostri servizi sono molto liscia e conveniente, i nostri lavoratori sono ben educato, perché si può essere trattato come se siete anche una famiglia.

    Gli dò tutto al 100% che si ottiene questo prestito dopo aver applicato per questo, perché noi non truffa, ci sono cristiani, in modo da truffe di nostri simili sia limitata dal nostro stile di vita.

    Contattaci oggi attraverso la posta elettronica della società, che è philloanfirm2@yahoo.com in modo che il prestito di elaborazione inizierà al più presto.

    Email: philloanfirm2@yahoo.com

    Mr. Phil Howardson

    RispondiElimina
  110. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  111. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  112. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  113. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  114. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  115. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  116. Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodo
    (1 a 30) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
    serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

    RispondiElimina
  117. Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%..... scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com

    RispondiElimina
  118. Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%.,., scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com
    Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%.,., scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com


    Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%.,., scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com

    RispondiElimina


  119. Buongiorno, Avete bisogno di un finanziamento. Grazie al sig. David Morata ho ricevuto un prestito di 70.000€ e molti miei amici hanno ricevuto il loro finanziamento. Offre prestiti tra privato di 2500€ a 2.500.000€ ad un tasso ragione di 2%.Ecco la sua posta elettronica: franckleroux878@gmail.com

    RispondiElimina
  120. Caro Signore / Signora,

    Mi piacerebbe introdurre il mio io a voi, il mio nome è Mr.Christopher lungo, io sono l'Amministratore Delegato (MD) FINANZIATORI PREZIOSI dò fuori mutui prestito a basso tasso di interesse del 3%, io dare prestiti personali, Affari Prestiti di espansione, i prestiti alle imprese start-up, l'istruzione Prestiti, prestiti di consolidamento del debito, Venture Capital, prestiti di denaro duro, anche a quelli con Bad di credito, ecc, offriamo prestito che vanno da un importo minimo di cinquemila sterline (£ 5,000.00) e per un Rang massimo di dieci milioni di sterline (£ 10.000.000,00) per maggiori informazioni si prega di contattarci via email immediatamente preciouslenders@gmail.com

    Informazioni necessarie
    Il tuo nome per intero: .........
    Indirizzo: .........
    Importo necessario: .........
    Durata: .........
    Città: .........
    Stato: .........
    Nazione:.........
    Cap:.........
    numero di telefono:.........
    reddito mensile:.........
    Scopo del prestito: .........
    Per maggiori informazioni contattare l'indirizzo qui sotto: preciouslenders@gmail.com

    RispondiElimina
  121. Ciao,

    Ecco che arriva un prestito a prezzi accessibili che cambierà la vostra vita per sempre,
    Io sono il signor Franklin Osayande Scott, un prestatore di prestito certificata, offro prestito
    singolo settore e pubblico che hanno bisogno di assistenza finanziaria
    in un basso tasso di interesse del 2%. Bad credito accettabili, i termini e le
    Le condizioni sono molto semplici e considerate.You sarà mai rimpianto
    nulla in questa transazione prestito, perché io vi farà sorridere. Email franklinosayandescott@gmail.com

    I Mr Franklin Osayande Scott, renderà il meglio dei miei servizi a tutti
    legittimo borrowers.You non sarà mai deluso da me in questo
    operazione perché non sono nati per essere un perdente. Qualsiasi interessato
    i clienti devono contattare me ora attraverso E-mail: (franklinosayandescott@gmail.com) Facebook: Franklin Osayande Scott per ulteriori informazioni.

    Si prega di compilare il modulo di richiesta qui sotto e rispedire, se interessati e
    sarete felici di sapere un prestatore di prestito come il signor Franklin Osayande Scott

    INFORMAZIONI MUTUATARIO necessario.
    1) Nome completo:
    2) Paese:
    3) Indirizzo:
    4) Stato:
    5) Sesso:
    6) Stato civile:
    7) Lavoro:
    8) Numero di telefono:
    10) Reddito mensile:
    11) Next of Kin:
    12) Prestito importo necessario:
    13) Prestito Durata:
    14) Scopo del prestito:

    Non appena si compila il modulo di cui sopra, vi manderò il mio prestito Termini e Condizioni subito in modo per noi di procedere. Cercherò ora di sentire da voi in modo da procedere.
    Cordiali saluti,
    Franklin Osayande Scott.

    RispondiElimina
  122. Ciao,
    Tutti sono così felice dando il mio grande testimonianza di come ho ottenuto il mio prestito desiderio del signor Franklin Osayande Scott Loan Company, voglio utilizzare rapidamente questa opportunità per far conoscere al mondo intero la di questo, Am Mrs Ann Maxwell da Stati Uniti d'America, sono stato alla ricerca di un prestito per avviare la mia attività a sostegno del mio marito per quanto riguarda le spese per bambini così sono andato in linea alla ricerca di prestito quando mi sono imbattuto in alcuni istituti di credito che truffano e truffati via il mio poco denaro a quel processo di tempo ho ottenuto confuso i non sa nemmeno più cosa fare, perché i pochi soldi che ho avuto con me è stato portato via da quei bastardi fraudolenti che si definiscono loan lenders reali, così un giorno fedele come stavo navigando attraverso internet alla ricerca di lavoro mi sono imbattuto alcune testimonianze commentato sul forum di un Andrew Fred, e la signora Monica Luis su come essi ricevono la loro prestito dal signor Franklin Osayande Scott Loan Company Email: franklinosayandescott@gmail.com Così mi sono detto che devo dare a questo una prova perché ho ero così spaventato riguardo a ciò che gli altri istituti di credito hanno fatto a me, così sono andato avanti preso il suo indirizzo personale di posta elettronica che era in quei commenti sul forum così ho contattato lui per informarlo che mi è stato arbitrato a lui da alcuni clienti che hanno ricevuto il loro prestito dalla sua compagnia, il signor Andrew Fred, e la signora Monica Luis, Così, quando ha sentito che era molto contento di questo, così mi sono che con la giusta compagnia ha assicurato dove posso ricevere il mio prestito voglia, mi hanno dato il prestito mutuatario modulo di domanda per riempire e tornare, ho fatto tutto questo, dato tutte le mie informazioni necessarie è su di me, così mi è stato dato i termini e le condizioni della loro azienda tutto è andato liscio, senza alcun ritardo, in non meno di 24 ore mi ha informato che il mio prestito valida somma di € 6.000.000 è stato registrato e approvato dal loro consiglio prestito di trustee, Così a quel processo di tempo ero così felice quando mi hanno detto che dovrei inviarli bancario dettagli, ma ero po 'scettico di farlo così ho detto Ho fiducia e credo che per questo mutuante chiamare Mr Franklin Osayande Scott, ho dato loro da conto bancario in modo sorprendentemente ricevo e vigile dalla mia banca che il mio account è stato accreditato con la somma di € 6.000.000 dal signor Franklin Osayande Scott, WOW .. Sono quasi svenuto, Così ho urgenza e-mail lui che ho ricevuto il mio prestito con successo, Così i miei cari fratelli e sorelle là fuori ancora alla ricerca di società di prestito genuino io vi consiglio di contattare gentilmente Mr Franklin Osayande Scott con questo stesso FACEBOOK: Franklin Osayande Scott , E-mail: franklinosayandescott@gmail.com e so che aiuterà anche voi con l'importo del prestito desiderio va bene, e-mail oggi e sarete contenti di averlo fatto.

    RispondiElimina
  123. Ciao! Offerta di prestito
    Sei alla ricerca di finanziamenti, sia per incrementare le vostre attività, sia per un progetto o per comprare un appartamento, ma purtroppo la banca vi chiede quali condizioni non si riesce a colmare. Mi sono imbattuto in un uomo d'affari francese che mi ha concesso un prestito di 25.000 €, che mi ha permesso di realizzare il mio progetto. Oppure, se siete bannato Banking è disponibile a concedere prestiti a chiunque in grado di far fronte ai propri impegni. in caso contrario il tasso di interesse è del 2% annuo. E-mail: duranddupond290@gmail.com

    RispondiElimina
  124. ciao

    Cercate un prestito veloce e conveniente per pagare le bollette e iniziare un nuovo finanziamento vostri progetti a un tasso di interesse più conveniente del 3%. Non esitate a contattarci oggi via: augusto.davila56@gmail.com con l'importo del prestito necessario che la nostra offerta di prestito minimo è di €2.000,00 per ogni scelta dell'importo del prestito.
    Io sono un finanziatore registrato e legittimo certificata.
    Potete contattarmi oggi, se siete interessati a ottenere questo prestito, contattatemi per ulteriori informazioni sul processo di prestito, di processo come i termini del prestito nonché i termini e le condizioni del prestito sarà trasferito a voi. Ho bisogno della tua risposta urgente se siete interessati.

    RispondiElimina
  125. Ciao! Io sono il signor Jerry Ekata Elvis, un prestatore di prestito privato che concede prestiti opportunità di tempo di vita. Avete bisogno di un prestito urgente per cancellare i debiti o avete bisogno di un prestito di capitale per migliorare il vostro business? sei stato rifiutato da banche e altri enti finanziari? Avete bisogno di un prestito di consolidamento o di un mutuo? cercare non più come noi siamo qui per rendere tutti i vostri problemi finanziari una cosa del passato. Noi prestiamo fondi fuori a persone che necessitano di assistenza finanziaria, che hanno un cattivo credito o che hanno bisogno di denaro per pagare le bollette, di investire su attività ad un tasso del 2%. Voglio usare questo mezzo per informare che rendiamo assistenza affidabile e beneficiario e saranno disposti a offrire un prestito.

    Cordiali saluti,
    © Ekata Elvis globale Insurance Prestito Limited Company ®
    Contattaci all'indirizzo: ekataelvisglobalinsurnaceloan@gmail.com
    Telefono: 0808 612 3495.

    RispondiElimina
  126. Ciao! Io sono il signor Jerry Ekata Elvis, un prestatore di prestito privato che concede prestiti opportunità di tempo di vita. Avete bisogno di un prestito urgente per cancellare i debiti o avete bisogno di un prestito di capitale per migliorare il vostro business? sei stato rifiutato da banche e altri enti finanziari? Avete bisogno di un prestito di consolidamento o di un mutuo? cercare non più come noi siamo qui per rendere tutti i vostri problemi finanziari una cosa del passato. Noi prestiamo fondi fuori a persone che necessitano di assistenza finanziaria, che hanno un cattivo credito o che hanno bisogno di denaro per pagare le bollette, di investire su attività ad un tasso del 2%. Voglio usare questo mezzo per informare che rendiamo assistenza affidabile e beneficiario e saranno disposti a offrire un prestito.

    Cordiali saluti,
    © Ekata Elvis globale Insurance Prestito Limited Company ®
    Contattaci all'indirizzo: ekataelvisglobalinsurnaceloan@gmail.com
    Telefono: 0808 612 3495.

    RispondiElimina
  127. Hello Everybody,
    My name is Mrs Anita. I live in UK London and i am a happy woman today? and i told my self that any lender that rescue my family from our poor situation, i will refer any person that is looking for loan to him, he gave me happiness to me and my family, i was in need of a loan of $250,000.00 to start my life all over as i am a single mother with 3 kids I met this honest and GOD fearing man loan lender that help me with a loan of $250,000.00 U.S. Dollar, he is a GOD fearing man, if you are in need of loan and you will pay back the loan please contact him tell him that is Mrs Anita, that refer you to him. contact Dr Purva Pius,via email:(urgentloan22@gmail.com)Thank you

    RispondiElimina

  128. Buonasera…
    Sono Ludivine Ottavis che è stata molti fregata io hanno perso speranza poiché che vuole un prestito di 23.000€, ma io hanno inteso parlato della Sig.ra CINZIA Milani. All'inizio ero un po'che diffida ma dopo le diverse procedure rassicurate per noi due io hanno finito per avere il prestito chiesto sul mio conto. Volete prendere contatto con essa se avete bisogno di un prestito presso una persona onesta e serietà ecco la sua mail contattate - rapidamente: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina
  129. Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%__. scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com

    Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%__. scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com

    Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%__. scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com

    Avete bisogno di un prestito urgente da un creditore privato affidabile che vi concederà il denaro senza stress? Se sì, allora siete nella giusta direzione. Ottenere i vostri soldi entro 5 ore. Io sono EHIS MACAULEY, un uomo d'affari e anche un finanziatore privato. Vorrei stabilire una succursale della mia attività nel vostro paese, se è possibile connettersi a me con un importante uomo d'affari lì. Io dare fuori di prestito a tasso di interesse del 2%__. scrivere a me attraverso questo email ehism94@gmail.com

    RispondiElimina
  130. Ciao, persone reali sono quelli che sanno come aiutare i loro compagno sollievo quando subiscono. Questa signora mi ha dato un prestito di € 70.000 senza affatto me complicare il compito a livello dei documenti che richiedono le banche nelle applicazioni di prestito. Se sei in difficoltà finanziarie, grazie alla sua GAI oggi super mercato all'angolo, lei era il mio Salvatore, e davvero non so cosa sia perché GAI ha deciso oggi di testimoniare in suo favore, è possibile contattarla tramite posta e seguite le sue istruzioni e sarete soddisfatti entro 48 ore al massimo. Conferma e questo momento se e ' successo che hai esigenze un prestito si prega di fare contatto con esso. Così si che ne hanno bisogno come me si può scrivere a lui e spiegargli la situazione si potrebbe aiutare posta: angelavadez8@gmail.com

    RispondiElimina

  131. Offriamo prezzi accessibili prestito @ tasso di interesse del 3% disponibile per locali
    e mutuatari internazionali.
    Siamo certificati, affidabile, affidabile, efficiente, veloce e dinamico
    e collaboriamo con i nostri clienti.
    Diamo fuori prestito a lungo termine da massimo due a 50 anni di contattarci
    su (adamfred23@GMAIL.COM)
    (Adamfred2@outlook.com)
    PRESTITO DOMANDA DI AMMISSIONE
    NOME: ................................
    GENERE: .........................
    STATO CIVILE:...........................
    CONTATTO INDIRIZZO: ................................
    CITTA '/ CAP: .................
    NAZIONE:.................
    ETA ': ............
    CONSUMO DI PRESTITO: ..............
    Durata di prestito: ...............
    REDDITO MENSILE:.............
    OCCUPAZIONE: ............
    Scopo del prestito: ...........
    Numero di telefono valido: .............
    FAX: ................
    Compila questo modulo e lo trasmette TORNA A
    Adamfred23@gmail.COM
    Adamfred2@outlook.com

    RispondiElimina
  132. Avete bisogno di un prestito diamo fuori prestito a basso tasso di interesse del 2% se interessati, contattarci via e-mail: partrickcoka@gmail.com per maggiori informazioni

    RispondiElimina
  133. Credito per TUTTI:

    Per tutte le vostre ricerche di credito affidabile, credibile al 100% — OFFRE MOLTO INTERESSANTE PRESTITO TRA PRIVATI
    OFFRIAMO TUTTO È USCITO DA PRESTITO, PER I VOSTRI ACQUISTI DI CASE ED ALTRE!!
    PERSONA CHE PUÒ PRENDERE IN PRESTITO E SERI CONTATTATE
    Per ulteriori informazioni e dettagli

    alain2loffre@gmail.com

    RispondiElimina
  134. Buongiorno
    caro cliente una sola opportunità per voi che ricercato un finanziamento.

    la mia offerta è valida per tutto il mondo come operaio di qualsiasi categoria, privato, professionisti, ecc.… contattato io più più informazioni seguito hanno la vostra domanda di finanziamento.

    la mia mail è la seguente: scharzandre39@gmail.com

    RispondiElimina
  135. Ciao, persone reali sono quelli che sanno come aiutare i loro compagno sollievo quando subiscono. Questa signora mi ha dato un prestito di € 50.000 senza qualsiasi me complicare il compito a livello dei documenti che richiedono le banche nelle applicazioni di prestito. Se sei in difficoltà finanziarie, grazie alla sua GAI oggi super mercato all'angolo, lei era il mio Salvatore, e davvero non so cosa sia perché GAI ha deciso oggi di testimoniare in suo favore, è possibile contattarla tramite posta e seguite le sue istruzioni e sarete soddisfatti entro 48 ore al massimo. Conferma e questo momento se e ' successo che hai esigenze un prestito si prega di fare contatto con esso. Quindi che ne hanno bisogno come me ti puoi scrivere a lui spiegare a lui la tua situazione potrebbe aiutare sua e-mail: angelavadez8@gmailcom

    RispondiElimina
  136. Ciao
      Avete bisogno di un prestito comodo alla vostra soddisfazione?
      Offriamo prezzi accessibili prestito @ tasso di interesse del 3% disponibile per locali
    e mutuatari internazionali.
      Siamo certificati, affidabile, affidabile, efficiente, veloce e dinamico
    e collaboriamo con i nostri clienti.
      Diamo fuori prestito a lungo termine da due a un massimo di 50 anni
    contattateci al (adamfred23@GMAIL.COM)
    PRESTITO DOMANDA DI AMMISSIONE
    NOME: ................................
    GENERE: .........................
    STATO CIVILE:...........................
    CONTATTO INDIRIZZO: ................................
    CITTA '/ CAP: .................
    NAZIONE:.................
    ETA ': ............
    CONSUMO DI PRESTITO: ..............
    Durata di prestito: ...............
    REDDITO MENSILE:.............
    OCCUPAZIONE: ............
    Scopo del prestito: ...........
    Numero di telefono valido: .............
    FAX: ................
      Compila questo modulo e lo trasmette TORNA A (
    Adamfred23@gmail.COM)
    Adamfred2@outlook.com

    RispondiElimina
  137. Ciao a tutti,

    Io sono la signora Susan Famish, sto scrivendo questa lettera di testimonianza, perché sono molto grato per quello che la signora Clara Morgan ha fatto per me e la mia famiglia, quando ho pensato che ci fosse ancora speranza è venuta e rendere la mia famiglia sentire di nuovo vivo conducendo noi un prestito di tasso di interesse minimo del 3% non avrei mai pensato che ci sono ancora finanziatori prestito genuini in Internet ma con mia grande sorpresa ho ottenuto il mio prestito senza perdere molto tempo, quindi se siete là fuori alla ricerca di un prestito per qualsiasi motivo finanziari a tutto allora io vi consiglio di e-mail la signora Clara Morgan in VIA: {clara_morgan@outlook.com} per maggiori informazioni su L'OPERAZIONE

    VI AUGURO TUTTO IL MEGLIO

    Cordiali saluti
    La signora Susan Famish

    RispondiElimina
  138. Aiuto finanziario ai privati ed a tutte persona che desiderano.

    Buongiorno Sig.ra o sig.

    Sono un prestatore francese economista particolare, proprietario di molte imprese e società di petrolio un po'ovunque nel mondo. Offro prestiti alle persone seri suscettibile di bene rimborsarlo. Le mie condizioni di prestiti sono molto chiare e semplici. Non prendo né freschi cartelle né spese di notaio. Il mio prestito è molto rassicurato ed onesto. Grazie di contattarlo da parte di mio mail:renardjeanluc3@gmail.com.

    Grazie.

    RispondiElimina
  139. Avviso !!!
    Per chi è coinvolto,

    Qual è la vostra situazione? Hai bisogno di finanziamento al 100%, non può verificare il reddito, non è possibile verificare l'occupazione, recentemente autonomi, fallimentare, del Collezionismo, Questioni di credito. Contattateci oggi per tutti i tipi di prestiti e vi verrà dato il meglio di tutto il sostegno finanziario, come, * Project Financing * Business Prestiti * Prestiti Personali * Consolidamento del debito * Casa Prestiti * Linea di credito * prestiti auto * Combinazione di prestito.

    PER MAGGIORI INCHIESTA contattarci tramite il seguente indirizzo di posta:
    Azienda Email: alice_loanservice@hotmail.com

    Cordiali saluti
    Mrs. Alice Roberto
    In linea Agente Pubblicità
    Alice Loan Service Ltd
    Azienda Email: alice_loanservice@hotmail.com

    RispondiElimina
  140. ?Ciao
    Avete bisogno di un prestito comodo alla vostra soddisfazione?
    Offriamo prezzi accessibili prestito @ tasso di interesse del 3% disponibile per locali
    e mutuatari internazionali.
    Siamo certificati, affidabile, affidabile, efficiente, veloce e dinamico
    e collaboriamo con i nostri clienti.
    Diamo fuori prestito a lungo termine da due a un massimo di 50 anni
    contattarci su Adamfred23@GMAIL.COM
    Adamfred2@outlook.com
    PRESTITO DOMANDA DI AMMISSIONE
    NOME: ................................
    GENERE: .........................
    STATO CIVILE:...........................
    CONTATTO INDIRIZZO: ................................
    CITTA '/ CAP: .................
    NAZIONE:.................
    ETA ': ............
    CONSUMO DI PRESTITO: ..............
    Durata di prestito: ...............
    REDDITO MENSILE:.............
    OCCUPAZIONE: ............
    Scopo del prestito: ...........
    Numero di telefono valido: .............
    FAX: ................
    Compila questo modulo e lo trasmette TORNA A
    Adamfred23@gmail.COM
    Adamfred2@outlook.com

    RispondiElimina
  141. Ciao richiedente

    I miei nomi sono il signor Phil Howardson, e io sono il proprietario della ditta conosciuta come Phil Howardson prestito Firm. II voglio solo farvi sapere che io do i prestiti da 1.000,00 euro a un importo massimo di 10.000.000,00 euro, con un basso tasso di interesse del 3%.

    Siamo persone con personaggi buoni e di buon cuore, perché sono ordinati per aiutare i poveri con le loro esigenze, in modo che è esattamente ciò che stiamo facendo. Caro candidato, se si prende un prestito da noi, voi non ve ne pentirete perché noi siamo reali e legittime e non comportano in qualsiasi tipo di attività di truffa. Il nostro inglese è molto chiaro, i nostri servizi sono molto liscia e conveniente, i nostri lavoratori sono ben educato, perché si può essere trattato come se siete anche una famiglia.

    Gli dò tutto al 100% che si otterrà il prestito dopo aver applicato per questo, perché noi non truffa, ci sono cristiani, così truffe dei nostri simili sia limitata dal nostro stile di vita.

    Contattaci oggi attraverso la posta elettronica della società, che è philloanfirm2@yahoo.com in modo che il prestito di elaborazione inizierà al più presto possibile.

    Email: philloanfirm2@yahoo.com

    Email: philloanfirm2@hotmail.com

    Phil Howardson

    RispondiElimina
  142. Noi lo chiamiamo un prestito firma, ma è davvero un prestito personale, che richiede
    nessuna garanzia. Prestiti fino a $ 100.000 e di più, se si qualificano per qualsiasi
    Che cosa ha a che fare! Otterrete il vostro denaro in fretta, e si avrà solo una piccola quota mensile a un tasso del 2% del vostro prestito.
    costantemente al suo indirizzo e-mail:
    (barrista.paul@yahoo.com)

    RispondiElimina


  143. Offro prestiti di denaro a tutti sincero e onesto e soprattutto coloro
    che sono nel bisogno. Posso fornire prestiti che vanno da € 3.000 a €
    3.000.000. Il mio interesse è molto basso ed è il 2% l'anno,
    indipendentemente dall'importo richiesto. La durata del rimborso da 1
    a 30 anni, a seconda della quantità in prestito. Quindi se avete
    bisogno di mutui, prestiti per investimenti, pronti per l'acquisto di
    auto, redenzione di credito, prestito personale, consolidamento del
    debito, immobiliare, hai bisogno educativi prestiti registrati ed
    esclusivi a breve e lungo termine, sono a vostra disposizione. Non
    esitate a contattarci via e-mail per ulteriori informazioni. Fateci
    sapere nella tua richiesta di prestito l'importo esatto che vorreste e
    rimborso. E-mail: brancaeugenio@outlook.it

    RispondiElimina
  144. La Sig.ra CINZIA Milani la ha salvata della disonestà dei poveri africani assetati di denaro accordandomi un credito di 23000 euro su una durata di 5 anni affinché il mio sognati diventino realtà. Prego a tutti coloro che hanno potuto usufruire di questi servizi, di volere ritornare testimoniarne per permettere all'altra gente nella necessità, di potere trovare anche un ricorso affidabile. Vi lascio il suo
    indirizzo professionale: milanicinzia62@outlook.com

    RispondiElimina
  145. La Sig.ra CINZIA Milani la ha salvata della disonestà dei poveri africani assetati di denaro accordandomi un credito di 23000 euro su una durata di 5 anni affinché il mio sognati diventino realtà. Prego a tutti coloro che hanno potuto usufruire di questi servizi, di volere ritornare testimoniarne per permettere all'altra gente nella necessità, di potere trovare anche un ricorso affidabile. Vi lascio il suo
    indirizzo professionale: milanicinzia62@outlook.com

    RispondiElimina
  146. !!! NON IGNORARE, PRENDERE IL TEMPO DI LEGERE QUESTA TESTIMONIANZA!!!
    Il mio nome è signora VETA BORDEIANU ho 40 anni sono una madre di una figlia di 3 anni. Un mese fa mia figlia soffriva di cancro al cervello. Ho avuto €20000 per garantire il suo recupero così mi metto alla ricerca di prestito. Ma purtroppo per me io stavo frodare di essere creditore senza scelta che ho perseverato nella mia ricerca per fortuna che il mio coraggio mi ha messo sulla persona giusta Karen GARCIA PINTO di signora che mi ha dato un prestito di € 20000 in 72 ore solo tramite bonifico bancario, che ha permesso la guarigione di mia figlia e l'apertura della mia piccola impresa. Questa prova è per te che sono stanchi di essere rifiutati dalle banche. Avete abbastanza sai dove mettere la testa che segue i vostri problemi finanziari. Avete bisogno urgente, veloce, affidabile e legittimo di un singolo indirizzo di finanziamento per essere soddisfare. Indirizzo email:
    pinto.karen01@gmail.com

    RispondiElimina
  147. OFFERTA DI PRESTITO TRA PRIVATO
    Grazie di contattarlo per e-mail: laurenzo.pazilla@outlook.com
    Siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma siete vietato bancario o la vostra cartella ad estate respinta alla banca.Sono un privato ed assegno prestiti che vanno da 2.000 a 1.500.000 € ad ogni persona capace di rispettare condizioni. Il mio tasso d'interesse è pari al 3% l'anno. Se avete necessità i denaro per altre ragioni, non esitate a me contattare per ogni informazione complementare. Personale serio ed onesto. Grazie di contattarlo per e-mail:laurenzo.pazilla@outlook.com
    Cordialmente.

    RispondiElimina
  148. URGENTE PRESTITO OFFERTA Applica.
    Ciao,
     Il mio nome è Robert Morgan, io sono da Ohio Stati Uniti d'America, sono sposata, ho
    stato alla ricerca di una vera e propria società di prestito per gli ultimi 5 mesi e
    tutto quello che ottenne fu gruppo di truffe, che mi hanno fatto a fidarsi di loro e alla fine
    del giorno, hanno preso i miei soldi senza dare nulla in cambio, tutto
    la mia speranza era perduta, mi sono confuso e frustrato, mi trovo molto
    difficile da sfamare la mia famiglia, non ho mai voluto avere niente a che fare
    con le società di prestito su internet, così sono andato a prendere in prestito i soldi un
    amico, le ho detto tutto quello che è successo e mi ha detto che lei mi può aiutare, che
    lei conosce una società di prestito che mi può aiutare con qualsiasi importo di prestito
    richiesto da me con un tasso di interesse molto basso del 2%, che ha appena ricevuto un
    prestito da loro, mi ha diretto su come fare domanda per il prestito, ho fatto
    così come mi ha detto, ho applicato con loro su e-mail: (williamsloans14@gmail.com), non ho mai creduto, ma ho provato e alla mia
    più grande sorpresa ho ottenuto il prestito entro 24 ore, non potevo credere,
    Sono felice e ricco di nuovo e sto ringraziando Dio che tale prestito
    esistono ancora aziende come questo su questo truffe su tutti i posti,
    prego vi consiglio tutti là fuori che hanno bisogno di prestito di andare per
    (williamsloans14@gmail.com) non saranno mai non si riesce, e
    la tua vita cambierà come il mio ha fatto.

    RispondiElimina
  149. VUOI UN BUSINESS / prestito di investimento? Credito Casa è qui per voi: credithouseloan@outlook.com

    Abbiamo messo a disposizione più di €180 milioni di prestiti alle imprese per oltre 15000 gli imprenditori come te. Usiamo la nostra tecnologia rischio designato per offrire il prestito di affari a destra in modo da poter crescere il vostro business. I nostri servizi sono veloci e affidabili, i prestiti sono approvati entro 72 ore dall'applicazione di successo. Offriamo prestiti da un intervallo minimo di €5000 ad un massimo di €500 milioni.

    Siamo certificati e privacy siano al 100% al sicuro con noi. Non preoccupatevi più circa i vostri prestiti o finanze.
    ____________________________
    Contattaci oggi attraverso:
    credithouseloan@outlook.com
    Numero di cellulare: + (128) -194-18845
    Ottenere la vostra approvazione immediata prestito oggi.

    RispondiElimina

  150. Are you seeking for a legitimate lender from the internet? My name is Kathie Smith, United State.please i want to advice you to beware of loan from the China and any part of Malaysia because they are all scammers. I have been scammed over 6 times until i came across a loan company from United State. They are so wonderful and serious minded company. I would advice you contact them if you are in need of loan of any kind(personal or business) because i got a loan from them without any stress after meeting their requirement. Their contact info is: http://www.dennishopkinsfinancehome.com/ or dennishopkins_financehome@live.com or dennishopkins69@yahoo.com Tel: USA +12404374240 Skype ID:roger.n.william

    RispondiElimina

  151. Are you seeking for a legitimate lender from the internet? My name is Kathie Smith, United State.please i want to advice you to beware of loan from the China and any part of Malaysia because they are all scammers. I have been scammed over 6 times until i came across a loan company from United State. They are so wonderful and serious minded company. I would advice you contact them if you are in need of loan of any kind(personal or business) because i got a loan from them without any stress after meeting their requirement. Their contact info is: http://www.dennishopkinsfinancehome.com/ or dennishopkins_financehome@live.com or dennishopkins69@yahoo.com Tel: USA +12404374240 Skype ID:roger.n.william

    RispondiElimina
  152. Hai bisogno di qualsiasi aiuto finanziario come prestito? Se sì scriveteci ai brent.timmons@Ymail.com con i particolari sotto.
    Nome completo:
    Paese:
    Stato:
    Numero di telefono:
    Importo del prestito:
    Durata:
    Scriveteci a brent.timmons@ymail.com

    RispondiElimina

Posta un commento