COME SI FA UNA RECENSIONE?


Cominciamo col dire che fare una recensione è tutt’altro che una cosa nuova: ascoltiamo e facciamo decine di recensioni tutti i giorni, ne siamo circondati, dove c’è una bocca c’è una recensione. Fateci caso, è praticamente impossibile non imbattersi in quello che al bar ci racconta il posticipo di calcio, nell’amico che ci dice come è andata la serata con la sua nuova fiamma, nel collega che ci parla del film che ha visto ieri, nella fidanzata che si pavoneggia di aver appreso una nuova ricetta e ci racconta le sue gesta in cucina.

Lo scopo di questa azione non è solo informare l’interlocutore, ma anche creare interesse e curiosità. Il termine “recensione” arriva dal latino e significa “riflettere”. Ecco, è qui che sta il bello del recensire: chi è in grado di far riflettere gli altri ha un dono enorme. Sì, un dono enorme, e non sto parlando solo di quel giornalista che il venerdì scrive su Repubblica a proposito del libro tal dei tali e che  riesce (in alcuni casi) a fare il bello e il cattivo tempo del romanzo in questione. Essere in grado di formulare un pensiero capace di catturare attenzione, e addirittura di generare riflessione, è una conquista umana e sociale eccezionale.

Tutti fanno recensioni, ma pochi riescono a incuriosirci, perché? Perché recensire non è solo parlare a proposito di qualcosa, non è far sciamare idee, vocaboli e ricordi confusi fuori dalle labbra, ma comunicare in modo ordinato avendo idea di ciò che si dice.

Uno dei migliori recensori è il libraio: quante volte costui è riuscito a vendervi un libro di cui non avete mai sentito parlare, magari tutt’altra cosa rispetto all’idea di acquisto che avevate quando siete entrati in negozio? Egli, quando vi propone un testo, vi fa riflettere a proposito del libro stesso e se è bravo vi convince e vi lascia col volume nelle mani, pronto per essere pennato alla cassa.

Ma come fa? Parla della trama per sommi capi, senza raccontarvi troppo (potrebbe togliervi la sorpresa) o troppo poco (lui sa che non avete letto ciò che sta cercando di appiopparvi e non dà nulla per scontato- neanche se si tratta di un autore strafamoso), cercando di non fare una messa, di non essere noioso. Poi passa ad un giudizio personale, magari paragonando il testo con quelli dello stesso autore o di altri. Infine vi dice il prezzo e, in caso, l’editore.

Il libraio ha fatto una recensione orale che, tuttavia, non è troppo diversa da una recensione scritta.

Ora entriamo più nel dettaglio a proposito della recensione scritta di un libro. 

Una buona recensione contiene: 

IL BLOCCHETTO: ovvero una scheda sintetica nella quale vengono riportati i dati relativi al libro (titolo, autore, editore, numero di pagine, prezzo di copertina, anno di pubblicazione). Il blocchetto può essere inserito all’inizio o alla fine dell’articolo.

UNA PARTE INFORMATIVA che, senza svelare troppo, riporta in sintesi notizie sulla trama. Non è un riassunto, ma un rivelare per sommi capi. In questa parte il recensore potrebbe anche decidere di inserire informazioni riguardo l’autore.

UNA PARTE VALUTATIVA nella quale il recensore esprime il suo giudizio a proposito del libro, magari elogiando lo stile, l’atmosfera che l’autore è riuscito a imprimere, il linguaggio, la caratterizzazione spettacolare dei personaggi… ovviamente non per forza bisogna affermare che il libro che abbiamo letto è un capolavoro, una stroncatura ogni tanto ci sta. Cosa va in questo romanzo? O cosa non va? 

Abbiamo detto che uno dei motivi per cui il libraio riesce ad appiopparvi il libro sta nella descrizione frizzante che riesce a formulare. Similmente, anche voi dovreste cercare di fare in modo di non fare appisolare chi legge il vostro articolo. Come si fa? Beh, ecco come aggiungere un po’ di sale (o meglio, come togliere quello sgradevole retrogusto alla camomilla): 

EVITARE LE RIPETIZIONI tipo “questo libro è ambientato nella Francia della seconda guerra mondiale. La Francia ai tempi della seconda guerra mondiale era alleata con…”.

ESSERE SINTETICI, ovvero decidere cosa è e cosa non è fondamentale, esporre unicamente il fondamentale e in poche parole.

INSERIRE QUALCHE FRASE INTERROGATIVA tiene viva l’attenzione e rappresenta uno scambio con chi legge, facendolo sentire più coinvolto. Non che la vostra recensione debba essere butterata di punti interrogativi, ma qualcuno può far comodo.

PROPORRE UN LINGUAGGIO SEMPLICE, frizzante e ben curato e, come fosse il morbo della mucca pazza, stare alla larga dal banale e dai luoghi comuni.  

ELIMINARE LE OSSERVAZIONI INUTILI. Dire che un libro è bello è dir niente… quanti milioni di libri belli ci sono? Meglio dire perché ci è piaciuto, cosa lo rende diverso – o migliore – degli altri.

MEGLIO SCRIVERE AL TEMPO PRESENTE, è più vivo e veloce rispetto agli altri tempi verbali.

NON RACCONTARE IL FINALE. Che gusto c’è nel leggere un romanzo quando sai già come va a finire?

Beh, ora, dopo che avrai dato un’occhiata a qualche recensione scritta da altri, potresti cominciare a farne una tu, non credi?

Commenti

  1. Molto interessante, anche se non mi pongo il problema di fare recensioni. Però le leggo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata di qua. ;o)
      Un saluto,
      Kito.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

      Elimina
  2. Ottimo! Consigli molto utili, ne farò tesoro. Grazie :-)

    RispondiElimina
  3. Grazie, la spiegazione è semplice proprio ciò che cercavo! Dovrei farne tre di recensioni, spero che siano almeno leggibili c.c Grazie ancora!

    RispondiElimina
  4. Grazie per questa spiegazione dettagliata, dopo tanti schemi dove veniva spiegato a grandi linee il dafarsi finalmente qualcuno che da dei consigli utili, grazie e complimenti !

    RispondiElimina
  5. Mi è servito molto, sarà meglio che vada a modificare le mie recensioni:)

    RispondiElimina
  6. Interessante e istruttivo, mi sto' appunto cimentando nella prima mia recensione, grazie per l'aiuto!

    RispondiElimina
  7. Grazie, consigli semplici e chiari (spero utili)!

    RispondiElimina
  8. grazie mille sono cose utilissime specialmente x me ke domani avrò il compito in classe e dovrò fare la recensione del libro ''L'usignolo dei Linke'' e della tragedia dell'Antigone
    Giulia ;) ;) <3

    RispondiElimina
  9. Grazie mille! Schematizzando mi hai reso più semplice il compito di recensire due libri! ;)
    Patrizia

    RispondiElimina
  10. Come dovrei fare per fare una recensione su un autore?

    RispondiElimina
  11. Metterò in atto i tuoi preziosi suggerimenti.....e speriamo di riuscirci :-)
    Grazie

    RispondiElimina
  12. Ottimi suggerimenti, forse la sintesi migliore che ho letto finora di come scrivere una recensione. Cercherò di mettere in pratica i tuoi consigli, ho ancora molto da imparare. Grazie!

    RispondiElimina
  13. Grazie! È davvero utile e semplice da capire ;)

    RispondiElimina
  14. Davvero complimenti,devi essere un esperto in recensioni in quanto hai schematizzato e sintetizzato pagine di schemi in una sola facciata. Se non è questa una recensione..!

    RispondiElimina
  15. Grazie, per tutte le informazioni, mi saranno sicuramente utili.

    RispondiElimina
  16. Informazioni davvero utili per chi cerca aiuto su questi tipologie di testi

    RispondiElimina
  17. Informazioni davvero utili per chi cerca aiuto su questi tipologie di testi

    RispondiElimina
  18. Grazie amico! Io sono brasiliano e studio la lingua italiana e questo articolo mi ha aiutato in un compito di classe.

    RispondiElimina


  19. Ho trovato il sorriso è grazie al questo Signore. Muscolino GIOVANNI che ho ricevuto un prestito di 70.000€ nel mio conto il mercoledì a 11:32 min e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questo signore senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché signore Muscolino GIOVANNI mi ha fatto bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato quest'uomo onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarlo e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. Ecco il suo indirizzo elettronico: muscolinogiovanni61@gmail.com

    RispondiElimina
  20. Scusate per questo messaggio imprevisto ma occorre che testimonio io non credevano più al prestito di denaro poiché tutte le banche respingevano la mia cartella, infatti io erano schedato dalla mia banca. Ma un giorno un'amica mi ha consigliato un prestatore particolare di cui mi ha dato e-mail. Ho tentato il colpo con lui inviandogli un e-mail quindi quello è andato egli lo ha aiutato con un prestito di 85.000€. Ecco sono e-mail: maurocallipo94@gmail

    RispondiElimina
  21. Qualcuno sa come recensire su www.storeadvisor.it ?
    Grazie
    Mara

    RispondiElimina
  22. offerta di prestito in 48 ore.
    Ciao avete preoccupazioni finanziarie? E coloro che hanno difficoltà a ottenere prestiti di capitale da banche locali e altre istituzioni finanziarie. Si prega di fare riferimento a questo indirizzo di posta elettronica: maurogiovanni00@gmail.com

    RispondiElimina
  23. offerta di prestito in 48 ore.
    Ciao avete preoccupazioni finanziarie? E coloro che hanno difficoltà a ottenere prestiti di capitale da banche locali e altre istituzioni finanziarie. Si prega di fare riferimento a questo indirizzo di posta elettronica: maurogiovanni00@gmail.com

    RispondiElimina
  24. Buongiorno costosa amici!
    Fortunatamente dio grazie ho visto prove fatte da molte persone sul Signore. Muscolino GIOVANNI, così lo ho contattato per ottenere un prestito di 70.000,00€, regolare i miei debiti e realizzare il mio progetto. È con il Signore. Muscolino GIOVANNI, che la vita il mio sorrida nuovamente è un uomo di cuore semplice e molto comprensivo, sono e-mail: muscolinogiovanni61@gmail.com

    RispondiElimina

Posta un commento